Visualizzazione dei risultati da 1 a 4 su 4
  1. #1
    Soldataccio L'avatar di =Elvis89=
    Città
    Pianiga (VE)
    Club
    Non affiliato
    Età
    31
    Iscritto il
    15 Nov 2012
    Messaggi
    1,824

    Predefinito Tac Vector Omega 8 Manufacturing 8 Reticle

    Ciao a tutti!
    Dopo un periodo pieno di impegni per me, finalmente riesco a scrivere la recensione di uno degli ultimi red dot "sfornati" dalla Tac Vector Optics! L'oggetto in questione è l'Omega Manufacturing 8 Reticle!


    Introduzione

    Come ho già avuto modo di anticipare con la recensione della Talos, la Tac Vector Optics è un marchio cinese che produce sistemi di puntamento (ottiche, dot) e accessori, il cui target di mercato rientra nella fascia "economica" e "media". Dopo essere rimasto ben impressionato dalla Talos, ho deciso di acquistare altri prodotti di questo marchio, fra cui l'Omega.

    È un red dot dalle dimensioni generose, il disegno della cassa esterna ricorda molto un Eotech ruotato di 180 gradi. A differenza di quest'ultimo, non è olografico ma un semplice reflex (in seguito verrà spiegato meglio il funzionamento). Anche questo acquisto è stato fatto ad occhi chiusi in quanto non ho trovato in rete recensioni affidabili. Al momento il dot è reperibile solo direttamente dal produttore, pochi altri negozi lo vendono (ad un prezzo maggiore) negli USA. Il prezzo si aggira sui 120/130 euro, a cui va aggiunta l'IVA, oneri doganali e postali.


    Dotazione





    Il dot viene venduto in una scatola in plastica/ABS con due piccole cerniere (anche loro in plastica), di sicuro economica ma che svolge bene il suo compito, ovvero quello di proteggere la replica da urti violenti. Una volta aperta, troveremo tutti gli accessori ben imballati, e la lista è bella lunga:
    • _il dot, infilato in un sacchetto di plastica (con cerniera)


    • _uno spinotto per la ricarica (purtroppo americano)


    • _cavi e adattatori per lo spinotto, incluso un cavo mini usb


    • _un panno in microfibra


    • _un cacciavite a stella


    • _una brugola per la taratura


    • _manuale di istruzioni


    Nella dotazione dovrebbe comparire anche un caricabatterie a cella solare, purtroppo però mi è stato spedito in una seconda spedizione (non so perché ma il corriere espresso non accettava questo tipo di prodotto) assieme ad uno spinotto europeo. Di conseguenza mi limiterò a descrivere solo il dot!


    Il dot




    Il dot, come già accennato, ricorda per la forma un Eotech, però girato al contrario: difatti la coda posteriore "nasconde" il proiettore laser del reticolo. Quindi il funzionamento è lo stesso dei vari red dot reflex che si vedono in giro, con la differenza del case e della lente che hanno dimensioni decisamente maggiori: il proiettore laser proietta il reticolo direttamente sull'unica lente anteriore. Nulla di complicato insomma!



    Sul lato sinistro si trovano i comandi di accensione e la brugola per la deriva, sul dorso si trova la brugola per l'alzo, mentre sul lato destro trovano posto il compartimento batteria, un led (per la fase di ricarica) una presa femmina per il caricabatterie e l'attacco a sgancio rapido.


    Funzionamento

    Per accendere il dot basta premere uno dei due pulsanti del lato sinistro, fatti in gomma morbida e piacevoli al tatto. Un pulsante controlla il dot rosso, mentre il secondo controlla il dot verde. In base a quale dei due pulsanti viene premuto, comparirà sulla lente o il dot verde o il dot rosso. Il puntatore ha 5 livelli di intensità: per cambiarla basta premere nuovamente il pulsante (dello stesso colore) tante volte in base a quanto si vuole regolare la luminosità. Ad ogni pressione il dot si fa via via più luminoso, raggiunto l'ultimo livello più intenso, il dot "riparte" dal livello più basso di luminosità. Premendo l'altro pulsante si cambia colore, mantenendo però lo stesso livello di luminosità. Per spegnere il dot basta tenere premuto il pulsante del colore che si sta utilizzando.

    Di per sé questo funzionamento non è malvagio, però sui pulsanti non è riportato quale dei due è il rosso e quale il verde, quindi è facile fare confusione all'inizio!
    Una cosa positiva però è la memoria: il dot si riaccende dall'ultimo livello di luminosità selezionato, indipendentemente dal colore scelto.

    Il dot funziona con comuni batterie CR2032 ma è predisposto per funzionare anche con le CR2032 ricaricabili, che sono molto comuni nelle vecchie schede madri dei PC. Se si una una pila ricaricabile allora è possibile ricaricarla in svariati modi: usando il caricatore dedicato, la cella solare oppure attaccandolo ad un PC col cavo USB.



    La caratteristica che però mi ha colpito di più di questo dot è la possibilità di scegliere addirittura 8 reticoli! Fra questi compare anche quello famoso dell'Eotech, e altre forme che non sono molto comuni nelle repliche da softair (per esempio il puntatore chevron).

    Un altro aspetto estremamente positivo è l'attacco a sgancio rapido: davvero ben realizzato, la presa sul ris è salda e decisa. Sono sempre stato scettico su questo sistema di fissaggio, ma su questo dot è proprio azzeccato, rimane comunque la possiblità di allentare o aumentare la pressione sul RIS, insomma è davvero facile adattarlo ad ogni slitta.




    Eccolo montato sul mio GHK G5... certo, non è una replica dalle grandi dimensioni, e difatti a mio giudizio l'Omega sembra essere un pochino "sgraziato". Sicuramente starebbe meglio su un M4 o qualcosa di simile!


    Lenti



    La grande lente del red dot è allo stesso tempo croce e delizia di questo reflex!
    Come potete vedere, non è eccessivamente scura, manca insomma l'effetto "bluastro" o "marroncino" di alcuni dot replica! È quasi completamente trasparente (l'immagine vista attraverso la lente è un pelino più scura ma è difficile percepire la differenza). Sarebbe davvero fantastico.. se non fosse però per il trattamento antiriflesso!

    Difatti anche questo dot soffre di un leggero "effetto" specchio. Siamo logicamente lontani anni luce dagli "specchietti retrovisori" dei vari Eotech replica, ci si può accorgere di questo leggero difetto solo in ambienti chiusi o davvero poco illuminati. All'aperto invece è veramente difficile di accorgersene. Il "problema", se vogliamo definirlo tale, è da ricercare nella scelta costruttiva: il dot usa una sola lente, che deve fare da "riflettore" per il laser proiettato dal led esterno alla carcassa, pertanto deve avere per forza di cose una superficie riflettente. Sarebbe un po' difficile non avere un leggero effetto specchio anche sulla parte posteriore. Lo stesso effetto si può notare anche su tutti gli altri reflex "normali a lente aperta", forse è più difficile accorgersene in quanto la lente è molto più piccola.

    Il reticolo, anzi, gli 8 reticoli sono incredibilmente ben definiti e "netti". Non ho riscontrato alcun effetto ghost: lo si potrebbe ravvisare solo se si spara al massimo la luminosità in un ambiente completamente buio. Le dimensioni sono "giuste", da notare che è possibile scegliere fra i reticoli anche un punto rosso grande appena 1 MOA. Non ho riscontrato errori di parallasse, il reticolo rimane fisso sul bersaglio guardandolo da ogni posizione possibile.

    Veramente ottimo...! Se non fosse per un altro piccolo problemino: la lente enorme ovviamente fa entrare parecchia luce, pertanto in giornate davvero luminose, puntando la replica/fucile verso uno sfondo bianco o su una fonte di luce artificiale, è possibile "perdere" il reticolo nonostante sia regolato alla massima intensità. Devo dire però che ho provato il dot con una batteria CR2032, forse usando una pila ricaricabile (caricata al massimo ovviamente) di qualità migliore, si potrebbe evitare il problema.

    Comunque, il dot/reticolo rimane sempre visibile in tutte le altre circostanze.

    Posto di seguito alcune foto di alcuni reticoli, purtroppo però non rendono al massimo la luminosità del dot e nemmeno le dimensioni, vi ricordo che la fotocamera tende a dimezzare le reali dimensioni del reticolo, inoltre ho dovuto regolare la luminosità del reticolo a livelli bassi perchè non riusco a metterlo a fuoco alla massima intensità:





    Un'altra cosa che non mi è piaciuta molto (pignoleria mia) è l'assenza di un "clicker" nelle regolazioni di alzo e deriva. In ogni caso non è un problema in quanto le viti sono belle dure, e hanno retto senza il minimo problema al rinculo del mio G5. Ribadisco che questo dot è fatto per armi vere, quindi dovrebbe resistere..


    Conclusioni finali

    Ho trovato l'Omega una valida alternativa alle repliche Eotech da softair. Il rapporto qualità prezzo a mio giudizio è buono, se consideriamo la qualità costruttiva e il "corredo" di accessori abbinato. La sua linea potrebbe non piacere a tutti, inoltre le dimensioni davvero generose relegano questo dot su fucili o repliche di grosse dimensioni (M4 e simili), sinceramente non lo vedo molto "appropriato" su un'arma corta.

    A differenza delle repliche non soffre di effetto ghost, l'effetto specchio è decisamente meno visibile, e la lente è incredibilmente chiara. Come tutti i reflex a "lente aperta" soffre di poca luminosità quando si punta il dot su sorgenti luminose intense, probabilmente sarebbe stato meglio progettare il dot per una batteria più potente o addirittura una al litio dedicata.

    Il mio voto finale è un 7,5: buona qualità generale e tanti accessori, ma è ancora possibile migliorare qualcosina.


    PRO:

    • buona qualità costruttiva
    • lenti trasparenti
    • ottima correzione del parallasse
    • dotazione "ricca"
    • scatola in ABS per il trasporto
    • possiblità di usare pile ricaricabili
    • reticoli ben definiti
    • nessun effetto ghost
    • attacco a sgancio rapido di buona fattura
    • pulsanti piacevoli al tatto, non sembrano economici
    • 8 reticoli disponibili


    CONTRO:
    • le dimensioni "generose" rendono il dot una "scelta estetica discutibile" sulle repliche corte
    • il reticolo potrebbe tende a sparire se puntato su superfici molto luminose o su fonti di luce
    • leggero effetto specchio riscontrabile in condizioni di scarsa luminosità
    • peso non indifferente (ben oltre i 300g)
    • assenza di clicker sulle brugole di alzo e deriva


    Inviato dal mio SM-N910F utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di =Elvis89=; 02/03/2017 a 19:00

  2. #2
    Soldataccio L'avatar di =Elvis89=
    Città
    Pianiga (VE)
    Club
    Non affiliato
    Età
    31
    Iscritto il
    15 Nov 2012
    Messaggi
    1,824

    Predefinito

    P.S. chiedo gentilmente agli admin di spostare la recensione nella giusta sezione

  3. #3
    Spina
    Città
    Morbegno (SO)
    Club
    Non affiliato
    Iscritto il
    07 Apr 2016
    Messaggi
    15

    Predefinito

    Posso farti una domanda? è possibile abbinare questo dot al magnifier sempre della stessa marca?

  4. #4
    Soldataccio L'avatar di =Elvis89=
    Città
    Pianiga (VE)
    Club
    Non affiliato
    Età
    31
    Iscritto il
    15 Nov 2012
    Messaggi
    1,824

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Phantom Inferno Visualizza il messaggio
    Posso farti una domanda? è possibile abbinare questo dot al magnifier sempre della stessa marca?
    Credo non ci siano problemi. L'unica cosa, assicurati di avere "parecchio spazio" sulla slitta dorsale in quanto il red dot è abbastanza lungo.

    Inviato dal mio SM-N910F utilizzando Tapatalk

Questa pagina è stata trovata cercando:

Licenza Creative Commons
SoftAir Mania - SAM by SoftAir Mania Community is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at www.softairmania.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.softairmania.it.
SoftAir Mania® è un marchio registrato.