Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 14
  1. #1
    Spina

    L'avatar di claus57
    Città
    Musile di Piave (VE)
    Club
    Non affiliato
    Iscritto il
    19 Aug 2010
    Messaggi
    130

    Predefinito PPS Kar 98k total review

    Chi mi conosce si è ormai reso conto da un pò che ho un debole per le armi della Wehrmarcht dellaseconda guerra mondiale, ho già altre repliche oltre a una WaltherP38 originale del 43.
    Quindi (tanto per entrarenell'atmosfera dell'epoca) mentre leggete alzate il volume del PC e ascoltatevi la canzoncina che racconta quanto sia dolce farl'amore con la morosa nella bella foresta orientale dove soffia ilvento freddo mentre si mette a ferro e fuoco l'intera Europa!





    Detto questo era un pezzo chedesideravo mettere in collezione un Mauser 98K, ma i vari DBoys eaffini non mi piacciono, Tanaka è bellissimo ma bisognavendere 2 reni per comprarlo, G&G è un gradino sotto e costa unrene e mezzo... fortunatamente adesso è arrivata questa nuovaditta di Hong Kong
    http://www.pps-airsoft.com/Products....ame=PPS%20Guns
    PPS è l'acronimo di “ProfessionalPrecise Serious”.
    Nata come Red Fire si è fatta subitoapprezzare per il suo ottimo Moisin-Nagant e adesso si sta facendoconoscere anche per questo 98K che è un clone Tanaka con la solaesclusione del gruppo hop up, di fatto una miglioriatrattandosi di un gruppo in metallo compatibile con la canna delMarui VSR-10.
    Si tratta di una meccanica piùsemplice ed efficiente che da accesso ad un'enorme scelta aftermarket di canne di precisione e di gomminiHi-Capa compatibili di marche diverse.
    Anche i caricatori sono compatibili ecostano una frazione dei Tanaca; è inoltre disponibile unmodello a CO2 che usa cartucce da 8 g. ( Sì, proprio da 8g.,personalmente non ne ho mai vista una)
    Dopo una ricerca piuttosto soffertasono approdato quì
    http://www.khmountain.com/airsoft/pr...oducts_id=4232
    Diciamo che se n'è andato mezzo rene!
    In 10 giorni è arrivato da HK a casadi mio nipote a Vienna (niente spese doganali e stupidi problemi di“importazione di armi”), poi un mesetto e mezzo per laconsegna vera e propria nelle mie mani...
    Ora finalmente posso spupazzarmelo econdividere con voi le mie impressioni.
    Avete già preso sonno? Ma no dai, resistete!
    Innanzitutto un ottimo imballo, ilcartone è arrivato rotto ma la schiuma ha fatto il suo lavoro etutto è rimasto intatto.
    Nella confezione troviamol'indispensabile: fucile, caricatore e otturatore divisi e inseritiin sacchetti di polietilene azzurro piuttosto pesante, unpiccolo cacciavite piano per la regolazione della potenza e delmirino anteriore, una microchiave Hallen e un opuscolo diistruzioni pressochè inutile non fosse per l'esploso del giocattolo.
    Inserisco anche quest'ultimo visto chein rete non si trova








    Appena preso in mano l'impressione èottima, una pulita alla volata e al mirino che che sono statispennellati con dell'acquerello arancio e tutto si presenta in modoassolutamente realistico.
    Il legno ha delle belle venature visibili e non ha la solita verniciatura lucida giocattolosa.
    Ad occhio deve aver ricevuto solouna mano di mordente scuro così decido di ripassarlo con un po'd'olio per legno e l'effetto finale è davvero eccellente anche se lefoto e la luce artificiale non rendono merito al risultato.





    In alcuni siti web il legno vienedefinito “real german walnut”... vero noce tedesco...figuriamoci, BB sicuramente potrebbe dirci qualcosa in merito,comunque la calciatura fa la sua porca figura.








    Sono presenti alcuni marchi ma nessunwaffenhamt.
    Si tratta di incisioni, non di belle eprecise punzonature come quelle del Tanaka... ma costando circa lametà direi che piuttosto che niente è meglio piuttosto.








    Questo è un dettaglio della tacca dimira molto ben fatta





    La vernice è bella anche se comincia avenir via subito dall'otturatore, ma direi che è normale. Lacanna merita un discorso a parte perchè ha una bella bruniturabluastra. Pensavo si trattasse di acciaio ma, visto il peso ela mancanza di reazioni alla calamita, deve trattarsi di alluminiocon qualche trattamento particolare che non è l'anodizzatura.
    Alla prima prova di tiro mi cascano lebraccia, il risultato è deludente: a 30 m. spara parecchio in alto ea destra.
    Ok, ho una buona ragione per aprirlooltre alla mia solita perversa curiosità.
    Cominciamo come nell'arma vera aprendoverso l'esterno il blocchetto n°1 a sx del castello ed estraendocompletamente l'otturatore.





    Ora ci spostiamo davanti e premiamo ilbottoncino 1 che ci permetterà di sfilare in avanti 2 l'aggancio perla baionetta, 3 l'anello per la cinghia e infine di togliere ilcopricanna di legno 4.





    Svitiamo i 2 vitoni che fissano guardiae grilletto al blocco canna-castello





    Ed ecco una veduta d'insieme delcosiddetto smontaggio da campagna





    Proseguiamo svitando un piccolo granonella parte inferiore del castello; saremo così in grado di sfilarein avanti la canna esterna liberando i relativi accessori.





    Da notare i 2 distanziatori in siliconedi serie (dev'essere un'aggiunta recente visto che non sono presentinell'esploso); una gradita sorpresa considerato il livello di spesadi questo fucile. Per facilitare il rimontaggio consiglio dilubrificarli appena con un po' di borotalco.





    Ora togliamo la vite che sta sotto latacca di mira e spingiamo fuori la spina che fissa il blocco Hop Up








    Saremo così in grado di estrarrel'insieme inner barrel-gruppo Hop Up sfilandoli in alto e indietro





    Passiamo ora a liberare la cannainterna svitando 2 grani





    Tocca ora al leveraggio di regolazionedell' Hop Up: svitiamo la vite Hallen a testa conica





    Ora siamo finalmente in grado dismontare l' inner barrel con i suoi componenti sfilandolaall'indietro.
    Occhio a togliere e a non perdere ilpressore dell' Hop Up 1.





    Come si è detto, e come si può benvedere, il terminale della canna è Hi Capa compatibile.
    Il gommino azzurro di serie èpiuttosto morbido così, vista anche la potenza disponibile, hoapprofittato per sostituirlo con un Falcon più rigido a dentedoppio.







    Durante il rimontaggio (unaraccomandazione forse ovvia) facciamo attenzione a far coincidere lafinestrella del gommino hop up col foro del pressore. Questoallineerà automaticamente anche la sede del grano inferiore.








    La canna di precisione da 6,03 mm vieneprodotta dalla PPS (mah...) .
    Visto il difetto di tiro (e non avendoindividuato anomalie evidenti) ho deciso di lavorare leggermente lacanna nella zona di ingresso del pallino sbavandola accuratamente concarta abrasiva fina e lucidando poi tutto per bene con pasta dacarrozzieri insistendo alle estremità: volata e culatta.


    Passiamo ora smontare l'otturatore,operazione per la quale non si trovano tutorial in rete.
    Questo è l'accrocco visto dall'alto. Il grano indicato dalla freccia blocca la vite di regolazionedella potenza (bella idea quella di prevedere un regolatore!)





    Lateralmente si nota (anche troppo)l'estrattore che è quell'orrida barra lucida che proprio “nun sépo' vedè”!
    Francamente non mi risulta che nessunMauser abbia l'estrattore di quel colore al contrario delle replichedi tutte le marche (Marushin escluso... ma per quello oltre ai renibisogna vendere anche il fegato)... vabbè, ne riparliamo dopo, perora cominciamo a togliere le due viti inferiori





    Il che ci permetterà di estrarre laparte anteriore al cui interno si trova una molla.





    ATTENZIONE: in un forum si dice cheall'apertura la sferetta indicata schizza via insieme alla molla chela spinge.
    Nel mio caso la sede è ribattuta e lasfera non può uscire, ma non è detto che con il tempo e l'uso nonpossa liberarsi.





    il resto si smonta con facilitàiziando a svitare il perno guidamolla 1 che libera il percussore 2.
    La sicura 3 esce facilmenteall'indietro ruotandola a dx.





    Questo è quanto, ora torniamoall'estrattore.
    E' incollato con qualcosa che sembracolla a caldo, a guardarlo sembra acciaio inox ma la calamita rivelache in realtà non ha di niente di ferroso.
    Provo un po' di brunitore a freddo sulretro... nessun effetto, deve trattarsi di una cromatura.
    Vado di carta vetrata e subito esce una precromatura in rame che prende immediatamente il brunitore...OK, si va!





    Moooolto meglio! Sono propriosoddisfatto!
    N.B. Alla PPSprobabilmente non sanno cosa sia il frenafiletti perché tutto èavvitato “gentilmente” e perfino lubrificato, penso sia possibile che il fucile dopo un po' di uso ti si smonti in mano da solo.
    Passiamo ora ad un altro particolareinteressante: il regolatore di potenza.
    Dopo aver allentato il grano sullaparte superiore dell'otturatore infilando il cacciavite in dotazionenel nozzle si può modificare la posizione di una vite che limita ilpassaggio del gas verso il pallino.
    Fatto curioso di questa possibilitànon si trova traccia nelle istruzioni.
    Quì vediamo il passaggio già limitatocon la conseguente velocità di uscita di un pallino 0,20, Power Gase 16° C di temperatura








    Siamo appena sopra il Joule, per esserein regola basta svitare ancora un po'.
    Si tratta di una possibilità moltocomoda per chi fa game perchè a seconda della temperatura dellagiornata potrà regolare con facilità la potenza per rimanere neilimiti di legge. (sigh!)
    Ora liberiamo il passaggio e vediamoche succede...








    Non male direi, meglio usare qualcosadi più pesante dei 0,20.
    Ormai che c'ero ho pensato anche diaggiungere una cinghia in cuoio per aumentare il realismo, questal'ho presa in Polonia visto che avevo la spedizione gratis.
    http://gunfire.pl/product-eng-115220...g-replica.html








    Mi Piace!
    Ora si tratta di ripetere la prova ditiro sperando che i leggeri ritocchi abbiano sortito qualcherisultato.
    A questo punto mi tocca dirvi che laprima vera difficoltà è prendere la mira decentemente.
    Purtroppo le lenti progressive dei mieiocchiali fanno del loro meglio ma il mirino sembra ugualmente piccoloe sfocato...
    Sui fucili ormai ho montato ottichedappertutto e questo Kar 98k vuole ricordarmi a tutti i costi che nonsono più un giovanotto.
    Installare un'ottica in questo caso èun problema. All'epoca gli attacchiWeaver non esistevano e il fucile è dotato, al pari del real steel,di una slitta laterale per accogliere ottiche dedicate come la ZF-41.





    La buona notizia è che la slitta ècompatibile con le ottiche dedicate Tanaka e G&G, la brutta èche questi cannocchiali non assomigliano minimamente all'originale.L'unica vera riproduzione la produce Viva Arms ed è quasiintrovabile.





    Il caricatore contiene 10 colpiallafaccia delle istruzioni che ne dichiarano 11... pochi rispetto adun fucile elettrico ma il doppio rispetto alla realtà.
    Occhio a inserire i pallinicorrettamente perchè se “saltate un posto” camererete 2pallini oppure ve ne troverete uno incastrato da qualche parte tracanna e otturatore.





    INSERITE SEMPRE IL CARICATORE AOTTURATORE APERTO, altrimenti forzerete il nozzle e rischierete difar danni.
    Per estrarre il caricatore apritel'otturatore e spingete avanti il pulsantino davanti al grilletto,occhio che il caricatore cade.





    Ma torniamo a noi, devo dire cheimbracciare questo 98K è un piacere, molto ben bilanciato e naturalenelle misure.
    Non c'è precorsa, lo scatto è morbidoe continuo, assolutamente senza strappi... ma il problema non èlo scatto, è inquadrare bene il bersaglio.
    Il colpo è secco e mi sembra perfinodi sentire il sibilo del pallino prima del botto sul cartone quasiistantaneo.
    Bene, spara basso e centrato, bastaregolare l'alzo.
    Eventuali problemi di deriva sisarebbero potuti risolvere con un'apposita vitina sul mirinoanteriore.
    Cominciamo col difficile... 20 m con 10pallini Madbull 0,36, PowerGas, 14°C e tutta la potenzadisponibile (mica devo andare in game).





    A questo punto decido di semplificarmila vita dimezzando la distanza a 10 m., almeno così riesco aindividuare il centro del bersaglio!





    Penso di potermi dichiararesoddisfatto, non ho lavorato per niente!
    In conclusione direi che si trattaproprio di un'ottima replica che mi sento di consigliare specialmentea chi fa reenactment e agli appassionati di armi storiche.
    Può fare anche una bellissima figuraappeso a una parete.
    Ha decisamente un ottimo rapportoqualità prezzo e come materiali e meccanica è assolutamentesuperiore a Dboys e affini.
    Lo inserirei tra il G&G e ilTanaka.
    E' evidente che tutti i giudiziespressi sono del tutto personali, niente di assoluto e quindi ognunoè libero di non condividere il mio pensiero.
    Se a qualcuno interessa il PPS 98K è ora appena tornato disponibile anche in Italia da Safara.
    http://www.safarasoftair.com/pps-air...nfibjcasiu5ib0
    Ultima modifica di claus57; 28/01/2016 a 08:29

  2. #2
    Tutor L'avatar di D.A.r.k.
    Città
    Brandizzo (TO)
    Club
    non affiliato
    Iscritto il
    09 Jan 2009
    Messaggi
    2,850

    Predefinito

    Recensione assolutamente esemplare.
    Complimenti

  3. #3
    Spina

    L'avatar di claus57
    Città
    Musile di Piave (VE)
    Club
    Non affiliato
    Iscritto il
    19 Aug 2010
    Messaggi
    130

    Predefinito

    Viele Dank! E' sempre un piacere.

  4. #4
    Spina L'avatar di ghisalberti
    Città
    Lodi (LO)
    Club
    non affiliato
    Età
    67
    Iscritto il
    09 Dec 2012
    Messaggi
    50

    Predefinito

    Un grazie per la bella e chiara recensione.
    Ho acquistato anch'io il PPS K98 ( € 299,00 ) circa un mese fa da Saddafà e concordo con tè riguardo la bontà della replica, ne sono entusiasta.Sempre dal medesimo venditore ha acquistato anche il caricatore a CO2 ( caro come il fuoco!!) che ha in dotazione una molla ( penso debba sostituire quella presente nell'otturatore...ma non ho trovato nulla in rete che me lo possa confermare ) ed un foglietto con le istruzioni nel quale stranamente viene riportata la spiegazione su come regolare la potenza del fucile.
    Per quanto riguarda l'ottica onestamente quella dedicata della G&G a 100 e passa euro non mi soddisfa per cui ho preferito acquistare una slitta Weaver ( da Begadi.de ) da inserire al posto della mira posteriore ( si toglie con facilità), sulla quale ho poi montato un Walther 2x20 a focale lunga ( € 45.00 ), il risultato d'insieme (almeno secondo il mio parere) è buono anche se non corretto con il periodo storico dell'arma.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   b-pps-sar-k98-co2magazin-details2.jpg 
Visite: 12 
Dimensione:   49.5 KB 
ID: 291036Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   rail supporto ottica da Begadi.de.jpg 
Visite: 12 
Dimensione:   16.8 KB 
ID: 291037Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   Walther 2x20 scope.jpg 
Visite: 10 
Dimensione:   10.7 KB 
ID: 291038
    Ultima modifica di ghisalberti; 28/01/2016 a 03:46

  5. #5
    Spina

    L'avatar di claus57
    Città
    Musile di Piave (VE)
    Club
    Non affiliato
    Iscritto il
    19 Aug 2010
    Messaggi
    130

    Predefinito

    Ti confermo che la molla è per sostituire quella dell'otturatore. Il co2 pompa sui 60 bar e ha bisogno di più forza per aprire bene la valvola.
    Se hai un cronografo sarebbe interessante vedere a quanto esce a gas e poi a co2 prima e dopo la sostituzione della molla.
    Hai fatto fatica a togliere il tappo rosso o l'hai tenuto su?

  6. #6
    Spina L'avatar di ghisalberti
    Città
    Lodi (LO)
    Club
    non affiliato
    Età
    67
    Iscritto il
    09 Dec 2012
    Messaggi
    50

    Post

    Grazie per l'informazione circa la molla, tra l'altro nel sito di begadi.de, consigliano per l'impiego del CO2 di sostituire due pezzi presenti nel gruppo di scatto ( allego la loro foto ),
    quindi per ora lascio il pezzo nel cassetto (ho capito che il tutto non è una passeggiata e c'è da tribulare un pò ).
    Per quanto riguarda il tappo di "blasfema" plastica rossa presente sulla replica commercializzata da Saddafà ( saldamente fissato con un qualche tipo di stramaledetta colla ), per toglierlo senza fare danni ho utilizzato la fiamma di una candela, l'ho scaldato quel tanto per poterlo sfilare ed alla fine l'ho pure rimesso in sesto e recuperato. la vernice sottostante è rimasta integra e le poche tracce di collante si sono staccate senza fare danni. ( comunque per eliminare piccoli segni o rigature sulle parti verniciate di nero utilizzo il brunitore a freddo per alluminio della Birchwood casey)
    Icone allegate Icone allegate b-pps-sar-k98-hammer-details1.jpg‎  
    Ultima modifica di ghisalberti; 29/01/2016 a 21:09 Motivo: foto postate non visibili

  7. #7
    Spina L'avatar di ghisalberti
    Città
    Lodi (LO)
    Club
    non affiliato
    Età
    67
    Iscritto il
    09 Dec 2012
    Messaggi
    50

    Predefinito

    Allego qualche foto della mia bestia (..... replica...).

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   K98 PPS  1.jpg 
Visite: 25 
Dimensione:   76.1 KB 
ID: 291179
    aggiunta cinghia acquistata su Ebay
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   K98 PPS  2.jpg 
Visite: 20 
Dimensione:   100.3 KB 
ID: 291180
    sx

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   K98 PPS  3.jpg 
Visite: 23 
Dimensione:   100.5 KB 
ID: 291181
    Vista laterale dx, lo schioppo con l'ottica in tutto il suo splendore!!
    è bellissimo.........
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   K98 PPS  CO2 5.jpg 
Visite: 16 
Dimensione:   87.0 KB 
ID: 291182
    caricatore opzionale a CO2 con bomboletta da 8 grammi.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   K98 PPS  volata 4.jpg 
Visite: 19 
Dimensione:   97.3 KB 
ID: 291183
    tolto tappo rosso.....ora và meglio...

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   K98 PPS reticolo  ottica 7.jpg 
Visite: 18 
Dimensione:   44.1 KB 
ID: 291184
    reticolo ottica

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   DSCF1726.jpg 
Visite: 17 
Dimensione:   73.2 KB 
ID: 291185
    aggiunta slitta Weaver e ottica a lunga focale (da pistola)

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   Walther 2X20 6.jpg 
Visite: 20 
Dimensione:   72.8 KB 
ID: 291186
    ottica Walther 2x20 ben fatta e ad un prezzo accettabile.
    Ultima modifica di ghisalberti; 29/01/2016 a 23:50

  8. #8
    Spina L'avatar di ghisalberti
    Città
    Lodi (LO)
    Club
    non affiliato
    Età
    67
    Iscritto il
    09 Dec 2012
    Messaggi
    50

    Predefinito

    Ho trattato i legni del PPS dandoci dentro con tre passate di olio paglierino, due mani ( con le dita) di Tru-Oil Birchwood, una spagliettata 0000 e una lucidata di finitura con cera d'api....adesso il mio schioppo è così....
    Allegato 291588

    Allegato 291589
    Ultima modifica di ghisalberti; 10/02/2016 a 20:40

  9. #9
    Spina

    L'avatar di claus57
    Città
    Musile di Piave (VE)
    Club
    Non affiliato
    Iscritto il
    19 Aug 2010
    Messaggi
    130

    Predefinito

    Purtroppo le ultime 2 foto non si vedono... comunque un lavoro da restauratore! Che dire dell'ottica... sicuramente funzionale ma... dalle mie parti c'è un modo di dire: "...na scarpa e un socolo", una scarpa e uno zoccolo. Per i miei gusti un attacco weaver e un'ottica moderna su un 98k stonano... ma è una mia personalissima fisima che nulla toglie alla comodità e precisione di puntamento.

  10. #10
    Spina L'avatar di ghisalberti
    Città
    Lodi (LO)
    Club
    non affiliato
    Età
    67
    Iscritto il
    09 Dec 2012
    Messaggi
    50

    Predefinito

    Capisco, da noi si dice : nà scarpa e nà savàta ( una scarpa ed una ciabatta ), ora provo a postare nuovamente le due foto e grazie per l'attenzione.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   16 K98.jpg 
Visite: 21 
Dimensione:   106.6 KB 
ID: 291622

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   19 K98 particolare.jpg 
Visite: 16 
Dimensione:   114.0 KB 
ID: 291623

    Nel caso non si vedessero, ho postato un album nel mio profilo, se ti va di perdere qualche minuto, li le dovresti vedere.
    Grazie.
    Ultima modifica di ghisalberti; 11/02/2016 a 12:30

Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Questa pagina è stata trovata cercando:

Tag per questa discussione

Licenza Creative Commons
SoftAir Mania - SAM by SoftAir Mania Community is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at www.softairmania.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.softairmania.it.
SoftAir Mania® è un marchio registrato.