PDA

Visualizza la versione completa : Affardellamento di zaino e gibernaggio



Almagesto
10/12/2007, 15:12
su richiesta, ri-posto il topic che avevo scritto riguardo l'affardellamento base di zaino e gibernaggio.


cominciamo con il ricordare i tre livelli:
- la divisa
- il gibernaggio
- lo zaino
1. nella divisa va inserito il necessario per sopravvivere: ovviamente noi non rischiamo di essere rapiti o catturati da eserciti stranieri, ma è sempre bene secondo me avere nelle tasche della bdu un coltellino, una piccola torcia ( magari un inova a led, attaccata all’asola di un bottone ), e altro materiale a seconda della temperatura che potrei trovare.
teoricamente, sulla divisa andrebbe cucito l’escape kit, che comprende materiale per:
1 - ripararsi
2 - navigare
3 - trovare, raccogliere e bere acqua
4 - primo soccorso
5 - accendere un fuoco
6 - recuperare e conservare del cibo
7 - e accessori vari a seconda del luogo dove si svolge la missione.
….. forse un po’ esagerato per una manifestazione di soft air!

2. nelle giberne va inserito il necessario per combattere: tutto ciò che può servirmi nel caso in cui debba combattere, senza intaccare ovviamente quello che ho nello zaino o nella divisa.
bisogna cioè considerare che nel tragitto che va dall’infiltrazione al bivacco ( o in alternativa al luogo dove si sosta per lasciare gli zaini e cominciare la missione vera e propria ) tutto ciò di cui ho bisogno dovrebbe essere contenuto nel gibernaggio.
quindi:
- pallini, batterie, un attrezzo multiplo ( tipo gerber magari ) utile a smontare il fucile per eventuali riparazioni rapide, o segare una ramo;
- acqua e cibo per breve tempo;
- il necessario per navigare;
- il necessario per soccorrere qualcuno e per coprirmi in caso di emergenza ( un pocho liner o una coperta termica, goretex );
- accessori vari : cordini, torce e batterie di riserva, creme di mascheramento, repellente per insetti, ecc…

3. nello zaino va inserito il necessario per svolgere la missione, materiale cha a sua volta si divide in:
- materiale per svolgere effettivamente la missione;
- materiale per il proprio mantenimento fisico.
per “ materiale per svolgere effettivamente la missione “ si intendono reti scenografiche, ghillie suite, fucili da sniper, radio, ecc… tutte quelle cose cioè che utilizzeremmo solo in una particolare fase dell’operazione.
effettivamente, nelle nostre manifestazioni questa parte non è molto sviluppata.
è invece più importante per noi la seconda voce, il “ materiale per il proprio mantenimento fisico “: tutto il materiale che si servirà una volta organizzato il bivacco, per sopravvivere nelle migliori condizioni nell’ao per 24, 36, 48 h ecc…
quindi sono compresi sotto questa voce:
- materiale per costruire il bivacco;
- le riserve d’acqua e di cibo;
- fornelletti vari;
- vestiario e ricambi;
- kit medico più ampio;
- kit di pulizia personale;
- eventuali ricambi per fucile.
quello che ho appena elencato è la generale divisione del materiale tra i vari livelli.
ovviamente ognuno di noi porta materiale diverso, ma se chiedete in giro, vedrete che dopo un po’ di esperienza voi e i vostri amici avrete più o meno cose simili negli zaini.
ma come si fa uno zaino?
bilanciamento: viene da se che deve essere bilanciato tra la parte destra e sinistra, ed è importante che il peso gravi in un punto ideale che si trova all’interno dello zaino, sullo schienale.
l’altezza di questo punto ideale dipende dal tipo di marcia o movimento che dovrete affrontare:
- se dovete affrontare una marcia modello “ turista tedesco in giro per le città d’arte della nostra bella italia” il peso può anche gravare sulla gobba della schiena;
- in qualsiasi altro caso, il peso dovrebbe gravare appena al di sotto della “gobba”, in un punto a contatto con la nostra schiena.

http://www.extremaratioknivesdivision.eu/italiano/military/img/col_moschin_1big.jpg
-notate quanto è alto lo zaino sulle spalle-

affardellamento: lo zaino va confezionato in modo compatto, evitando sacche vuote e punti morti all’interno: in questo modo si evita lo spostamento dei materiali, e quindi il rumore durante il movimento.
bisogna stagnare tutto ciò che inserisco all’interno dello zaino: mutande, calzini e maglietta di ricambio, ma anche cibo, batterie, sacchi a pelo, ecc… devono essere sistemate in un sacchetto tipo cuki gelo o sacchi stagni appositi, chiusi ermeticamente in modo che il "pacchetto" risulti il più piccolo possibile.
il tutto poi andrebbe inserito in un unico sacco stagno principale, grosso più o meno quanto lo zaino stesso.
riguardo la sistemazione del materiale, è ovvio che le cose che saranno utilizzate di meno e/o al termine della giornata vanno sistemate in fondo ( sacco a pelo, mimetica di ricambio, ecc.).
le cose che potremmo utilizzare in un momento di bisogno improvviso, vanno sistemate nelle tasche esterne ( kit di pronto soccorso, goretex e panta, carta igienica, ecc…)
nella parte superiore va tutto il resto: riserve d’acqua e di cibo ( solitamente le cose più pesanti ) ricambi di biancheria, ecc…

http://img442.imageshack.us/img442/452/rraoff7hj6.jpg

sistemazione esterna: non lasciare fuori spallacci o funicielle esuberanti, meno fronzoli ci sono esternamente e meglio è: questo perché più lo zaino è uniforme e meno si corre il rischio di impigliarsi in qualche ramo, o di lasciare pezzi vari in giro che potrebbero essere fonte di tracce se perse, inutili perdite di tempo in caso di impiglio. inoltre tutto ciò che viene attaccato esternamente, per quanto leggero sia, non fa altro che sbilanciare tutto il resto.
cercate ovviamente di rendere lo zaino il più piccolo possibile, con le stringhe stesse o magari utilizzando qualche ragno ( sconsigliati ) o fastex/ fascette di cordura ( molto meglio ).

http://img266.imageshack.us/img266/1392/tgretreqh5.jpg

varie
- molti usano fare una check list completa di tutto il materiale che ci si porta dietro, segnando anche la tasca del vest o dello zaino dove è stato sistemato.
- al termine dell’affardellamento si indossa il jacket, e si salta!
si salta facendo caso a tutto quello che fa rumore, che sbatte o che si muove troppo: non vorrete certo che vi sentano a centinaia di metri di distanza perché le batterie della surefire sbattono contro la borraccia?
oppure che non riusciate a raggiungere la tasca in cui tenete i pallini di riserva, perché strisciando il vest vi è finito sotto il mento?
tutto il gibernaggio deve stare al suo posto in qualsiasi situazione e facendo qualsiasi movimento: non deve essere però così stretto da impedire di muoversi, strisciare, ecc…
- stessa cosa si fa con la zaino: indossatelo con il jacket, e saltate! provate a che a ruotare la schiena lateralmente, da destra a sinistra: questo vi servirà per capire se il peso grava effettivamente verso l’interno dello zaino. infatti, se mentre ruotate la schiena, lo zaino tende a portarvi con se, e fate fatica a fermare la rotazione, forse dovete ritoccare la sistemazione interna in modo da spostare il baricentro dello zaino ancora più verso la vostra schiena.
completate il lavoro sistemando meglio il materiale che fa rumore.

ultima cosa: affardellare il materiale è quasi un “arte”, ma per migliorarsi può aiutare fare una foto a tutto il materiale che state per portarvi, e poi una foto al materiale che vi siete riportati indietro perché non utilizzato.
non preoccupatevi, al ritorno avrete sempre qualcosa da fotografare

erpennax
10/12/2007, 15:46
:right: complimenti per la spiegazione!

Grigio
10/12/2007, 16:16
bella spiegazione almagesto.

per quanto riguarda ...
" il tutto poi andrebbe inserito in un unico sacco stagno principale, grosso più o meno quanto lo zaino stesso." ... molto valide le sacche realizzate appositamente per i bergen britannici: da 10 litri per le tasche amovibili laterali e da "enne" litri (dipende dal modello) per quella centrale.

ancora (e l'ho imparato proprio da voi piemontesi) estremamente valido l'uso di rotoli di plastica industriale per impermeabilizzare e collassare (riducendone il volume) abbigliamento&affini.

ciao da grigio

Almagesto
10/12/2007, 16:32
grazie grigio!
mi sono tenuto sul generale appositamente, proprio perchè ad uno stesso problema ognuno di noi può trovare diverse soluzioni ( sacche stagne, plastica, sacchetti per alimenti, ecc....)

Hannibal
10/12/2007, 17:04
ben fatto !!!

mi fa piacere vedere che i nostri soldi sono spesi bene !!!!!:wink2::wink2::wink2:

Gioma
10/12/2007, 17:09
bella lì!

ot: almagesto, ci vedremo alla lebanon strike a maggio?

ciao anche a henry!!!

Attila
10/12/2007, 19:32
complimenti, questi si che sono topic interessanti e costruttivi. :d

Almagesto
10/12/2007, 19:40
certo che a maggio ci sarò!
...ne finisco una e non vedo l'ora di cominciarne un altra, di missione...

p.s.:hannibal, se vuoi spendere meglio i tuoi soldi, dammeli direttamente..!!!

kamchaaka
10/12/2007, 20:49
come già detto! perfetto da sergente maggiore!!!
lo faccio bloccare in alto!

Ding
11/12/2007, 00:05
certo che a maggio ci sarò!
...ne finisco una e non vedo l'ora di cominciarne un altra, di missione...

p.s.:hannibal, se vuoi spendere meglio i tuoi soldi, dammeli direttamente..!!!
anch'io! anch'io! :cry: anch'io missioni! :cry:

asd.

come dissi quando la postasti tempo fa: bella :d per alcune cose però potresti fare esempi pratici, come appunto sulle sacche stagne o altro :s

Almagesto
12/12/2007, 20:28
come esempi pratici ti posso portare i sistemi che uso io per affardellare zaino e gibernaggio, però per questo devi aspettare un po'....
e comunque l'importante è che si seguano i principi base, poi la soluzione del problema può essere completamente personale, dettata dall'esperienza e dalle prove sul campo.

comunque se hai qualche domanda specifica chiedi pure!

Ding
13/12/2007, 05:07
no no, niente di specifico :)

ergalmgp
30/01/2008, 16:12
ottima guida...bravo!

Khorne
27/08/2008, 22:28
bravo compaesano, decisamente una recensione completa e piacevole da leggere!
bravo!

Malusblade
20/01/2009, 22:22
davvero una bella guida!! come hai detto tu, molte modifiche sono quelle che si appurano con l'esperienza in campo, altre possono essere prese da consigli come i tuoi!! per esempio, penso che d'ora in poi porterò con me una piccola quantità d'acqua e gatorade, grazie a due nalgene, ed il resto resterà nel vano apposito del mio 3days, così da scaricare meglio i pesi, essere ancora più leggero durante gli scontri, dove lascia lo zaino, e poter portare con se un parka, al posto della vescica(uso un falcon 2 della sotec, che ha il vano porta vescica tutt'uno con il tattico e non divisibile!!)

TFPX
05/05/2009, 19:32
ottimo:eating:

Almagesto
07/05/2009, 11:51
grazie, gentilissimi!

KUCCIOLO
07/05/2009, 12:00
complimenti almagesto!

cercavo proprio qualcosa del genere in preparazione al berget 7 :wink2:

reputazione per te :right:

KingOfMetal
08/05/2009, 14:44
complimenti! cristallino ed esaustivo!!!

una domanda niubba ma che, essendo stato per tanti anni scout, non posso evitare: il coprizaino non lo usa nessuno???
capisco che possa essere d'impiccio in situazioni di emergenza ma, se consideriamo il principio del "le cose che mi servono ora le ho nel tattico" potrebbe non essere uno strumento inutile in caso di pioggia per trovarsi la roba asciutta nello zaino....cosa ne dite?

Almagesto
10/05/2009, 18:16
il coprizaino serve solo se piove. visto che è una cosa che crea rumore e impiccio, anche se messo alla perfezione, è meglio limitarne l'uso solo ai casi estremi (pioggia battente per ore ore ore ore e ore).
e comunque, se la cordura dello zaino è buona, basta sistemare correttamente il materiale all'interno, e anche se piove, non si dovrebbe bagnare niente.

Mors
16/08/2009, 16:08
riguardo al materiale esterno allo zaino, tipo stuoia o telino gommato per isolare dal suolo, com'è meglio fissarlo allo zaino? in molte foto viene fissato sotto lo zaino, ma non può dare fastidio quando ci si accovaccia?

Almagesto
16/08/2009, 20:13
io ho materassini di gomma ripiegabili, li sistemo all'interno, adiacenti allo schienale dello zaino quando uso un 3day.
se dovessi metterlo fuori (magari quello arrotolato...) effettivamente lo sistemerei in basso, perchè:
- isola lo zaino dal terreno ancora di più;
- è in una parte dello zaino che viene già coperta dalle mani, dall'arma e dal combat: insomma, non ingrandisce di molto la sagoma della persona.
se lo mettessi in cima allo zaino, avrei qualcosa di grosso, che esce di molto dalla sagoma della persona (questo perchè in alto c'è solo la testa, in basso c'è il bacino, l'arma, le braccia il combat).

quindi, se proprio lo devessi metter fuori, lo metterei in basso.... ma dentro lo zaino proprio no??? è preferibile avere uno zaino più gonfio, ma che comunque rimane di una forma pratica per il movimento, piuttosto che avere uno zaino leggermente più vuoto e compatto, ma con un rotolo che esce a destra e sinistra...

spero di essere stato chiaro, ho scritto un po' di fretta...ma se hai altri dubbi chiedi pure!

Almagesto
16/08/2009, 20:16
su come sistemarlo, è meglio usare lacci non elastici, perchè essendo esterni potrebbero facilmente attaccarsi ai rami, e se fossero elastici creeresti più rumore e pericolo per gli altri componenti la pattuglia (rami che arrivano in faccia all'improvviso).
con i lacci fissi ti accorgi subito (se ti stai muovendo con attenzione) se ti sei attaccato ad un ramo, quindi puoi muoverti e farti aiutare a "scioglierti"...con i lacci elastici te ne accorgi solo quando il laccio è in tensione (dopo qualche metro) e magari è troppo tardi per fermarti e slegarti...

Mors
16/08/2009, 22:05
grazie mille. la mia domanda era mirata ai materassini esterni per cercare di capire se fossero stati più vantaggiosi rispetto a quelli ripiegabili.

Almagesto
16/08/2009, 23:56
per i materassini in spugna, tanto vale prendere quelle ripiegabili rispetto quelli arrotolati....io uso solo quelli nei game. per gli altri tipi di materasini non posso darti consigli validi oltre il classico: "sei sicuro che ti servano?"

Mors
17/08/2009, 15:31
in un game con temperature più alte è inutile? ( sottointeso un bivacco rapido, senza tenda e di breve durata ).

Maverik O'Neil
17/08/2009, 16:30
l'isolamento è importante per l'umidità, non per la temperatura in se.
un sacco a pelo bagnato, caldo o freddo che sia è un elemento più che fastidioso.
inoltre il materassino da un minimo di comfort nei riguardi di un terreno accidentato.
per la mia esperienza me lo porto sempre dietro, non si sa mai.
mav

Almagesto
17/08/2009, 19:30
giusto. il materassino di gomma lo porto sempre anche io. quello che non porto è quello gonfiabile o di altro materiale, più ingombrante e scomodo.
il materassino serve per tante cose!

Maverik O'Neil
17/08/2009, 21:13
hehe un mio carissimo amico che ora ha smesso veniva puntualmente col materassino gonfiabile, decantandone i pregi. solo che portava quelli da mare comprati con novella 2000. si faceva un culo così a gonfiarli, ci si sdraiava e quelli puntualmente saltavano per aria su una radice, una pietra, contro la fibbia della sua cintura. a discolpa dei poveri materassini c'è da dire che pesava più di 110 kg...
cmq per un periodo ho impiegato i materassini avvolgibili. risvoltandoli sul bordo li portavo a dimensione del mio sacco a pelo e poi li avvolgevo attorno, fermando il tutto con due spaghi. il blocco così compattato non ingombra e consente di portarsi dietro un materassino più confortevole di quelli pieghevoli, che per forza di cose sono più sottili.
ciao
mav

ken heine
07/11/2009, 18:52
il materassino gonfiabile lo adoro, (premetto che utilizzo uno della camp, quindi decisamente differente da quelli utilizzati per il mare), piegato e riposto nella sua sacchetta occupa pochissimo spazio, lo si infila benissimo negli spazi più angusti nello zaino, soprattutto è molto robusto, l'ho utilizzato spesso senza nulla sotto appoggiato nel terreno pieno di sassi.
un altro punto a favore (per me) è che essendo alto, gonfiato, fa sentire meno l'umidità.

comunque davvero ottima spiegazione sul come sistemare lo zaino, ho utilizzato i consigli di almagesto in diverse occasioni e mi sono sempre trovato bene...:omaggio:

Almagesto
09/11/2009, 22:14
grazie! mi fa piacere!