PDA

Visualizza la versione completa : LASERTAG - OpenSource



Sagittario
28/02/2014, 12:54
Buongiorno a tutti,

vorrei sapere se vi sono sviluppi per un progetto OpenSource.

cordiali Saluti

Sagittario
03/03/2014, 12:12
Buongiorno a tutti,

mi pare evidente che se dopo 48 letture di questo post, nessuno mi ha risposto evidentemente non esiste un progetto OpenSource per questa Tecnologia.

Passo allora alla domanda seguente, AndreaMarz e altri utenti che avevano postato in passato su questo Forum, (mi sono letto quasi tutto) sono ancora raggiungibili in qualche maniera o sono scomparsi.

Grazie a tutti e soprattutto a chi avrà voglia di postare almeno una risposta.

cordialmente.

Nonaeme
03/03/2014, 12:38
provo a risponderti ma non so se ho capito la domanda... ;)

il software MILES dovrebbe essere open source, almeno la sua base lo era ma sinceramente non so se tutte le modifiche fatte negli anni, da parte dei vari (vari... tre! :D ) produttori lo siano, in teoria DOVREBBERO esserlo anche le versioni aggiornate altrimenti si viola la licenza open, ma sinceramente ho imparato ad aspettarmi di tutto... :twisted:
tra l'altro se non erro tutti i produttori esibiscono decine di brevetti quindi magari qualcuno di loro ha riscritto completamente il codice ed è privato, boh :D

riguardo all'hardware invece sono quasi sicuro che, a fronte di tutti i brevetti di cui parlavo su, quello sia coperto da brevetto (ognuno il suo ovviamente :D )

per ulteriori domande potresti provare a contattare BARAK (non si scrive così ma ora non ricordo :D ) che è uno degli utenti piu attivi in ambito LT e uno di quelli che ne sa di piu, se non puo aiutarti lui sicuramente saprà indirizzarti e risponderti meglio di me ;)

|3arak
03/03/2014, 18:55
Ciao!!
ammazza me prudeva il naso oh!!

Per quanto riguarda il software, sono state fatte delle modifiche, sia LTI, RedRay, LACS e X-Tag, non so quanto siano "importanti" queste modifiche, in linea di massima i sistemi sono compatibili, e si sta andado sempre più verso questo traguardo, purtroppo la compatibilità non è al 100%, per carità si gioca lo stesso, ma ci sono sfumature che ancora devono essere messe a fuoco.

Per quanto riguarda il progetto OpenSource, ho letto qualcosa qui su SAM ma mi sembra poca cosa, soprattutto ristretta a qualche gruppo, e a quanto ho visto mi sembra anche alquanto complicata seguirlo, proprio perchè mancano un po i contatti e non è semplice da implementare.. ormai ci sono diverse case, per fortuna anche tutte italiane, tutte abbastanza valide, ma rimangono sempre un po amatoriali.

Chi comincia deve procurarsi il kit, l'asg e installare il kit, per chi sta dentro al soft air, il problema è un po più marginale, magari sa metterci le mani nelle ASG, basta cimentarsi in qualche saldatura, altrimenti diventa un po un casino.

LTI, se non erro, fornisce solo il kit DIY, mentre le altre la maggior parte del lavoro è fatto bisogna solo pensare a "cablare" l'ASG. Credo però, che questo non sia una tua preoccupazione, l'unica cosa che posso dirti è di sentire per PM AndreaMarz.

Il Laser Tag non è ancora molto diffuso, ci sono però già 4 sistemi sul campo, se si vuole far decollare questo settore, bisogna lavorare con la "concetto di compatibilità" bene in mente altrimenti si rischia di isolarsi, a tal proposito ti linko la pagina facebook del protocollo ILOP dove le varie case si stanno organizzando per proporre una compatibilità certa: https://www.facebook.com/pages/Iternational-Lasertag-Open-Protocol/118494284965359


Ciao!!

bloch999
04/03/2014, 07:19
lti xtag e lacs si sono recentemente unite per fare una piattaforma software comune perfettamente compatibile ... non ricordo come si chiama il progetto ma chiedi a uno dei 3 produttori su fb e ti diranno subito

Nonaeme
04/03/2014, 11:14
si chiama ILOP, lo ha scritto barak 10 centimetri piu su con tanto di link! :D
non lo sapevo neanche io e sinceramente credo sia la cosa migliore e piu auspicata nel mercato LT...
speriamo che non va a finire in una nuvola di fumo (classico dell'italianità) perchè il mercato si ingrandirà esponenzialmente secondo me, se riuscissero anche ad accordarsi per rendere intercambiabili tra loro pure gli apparati hardware uscirebbe roba davvero interessante!!

personalmente se potessi montare il pulce coi sensori del lacs e la cpu di xtag in una saccoccia, uscirebbe un sistema veramente fichissimo :twisted:

Sagittario
04/03/2014, 12:48
Poffarbacco, grazie per le info, in effetti ero/sono interessato al LASERTAG ma girando qua' e la e vedendo i costi....... mi sono un po' bloccato..... pensavo quindi ad un sistema open dove poter attingere info e altro per iniziare ad implementare questo sistema.

bloch999
05/03/2014, 06:37
proiettore pulce esteticamente perfetto ma non il massimo come proiettore... da provare direi prima di comprare

Nonaeme
05/03/2014, 13:26
guardando un po piu a fondo il sistema di xtag mi sa che è quasi quello definitivo...
il proiettore è grande come il pulce anche se un po meno rifinito, non ha cavi etc, l'unico difetto è che i sensori sono quelli grossi di tutti gli altri sistemi, magari potendoci mettere quelli piccoli del lacs sarebbe proprio il top del top come ingombri ed effettività d'uso! ;)

bloch999
06/03/2014, 07:20
a me cmq sembra che si parli tanto di misure e estetica ma si perda il nocciolo della situazione: le caratteristiche di funzionamento dei proiettori: non sono tutti uguali per ampiezza del fascio e gittata perciò mi sembra una discussione su come sono imballati i biscotti senza paragonare fra loro i biscotti. quello che sec me da questo punto di vista servirebbe è uno standard di requisiti comune ai produttori. non si può paragonare il proiettore di derivazione da prodotto professionale lacs anche se esteticamente fa schifo a qualsiasi altro proiettore. o un pulce ad altri... bisogna prima di tutto accordarsi su ampiezza fascio e potenza proiettore poi s che si potranno confrontare estetica e prezzo.

Nonaeme
06/03/2014, 13:57
considera che molti, come me, sono davvero frenati dal fatto di portare dietro tutti quei cavi e cavetti e quegli orrendi orpelli cone anpeq e silenziatori sulle proprie asg...
ovviamente quando si parla di compatibilità si parla di cio che tu dici e sono cmq compatibili! ;)

però io non credo debbano essere UGUALI perchè a quel punto tanto vale unirsi e fare una sola marca... come scelgo poi io? in base alla simpatia del venditore? :D
se il pulce mi da un fascio piu stretto prendo il pulce, se i sensori di xtag mi danno maggior ricezione prendo quelli etc... se fossero esattamente uguali non credo ci sarebbe mercato e CONCORRENZA quindi fanno cartello e ci teniamo tutti i kit base a 350 euro ;)

magari un domani esce red ray con un silenziatore da barrett che fa 1km, ovviamente COMPATIBILE con gli altri sistemi ma lo fanno solo loro!
che senso avrebbe svilupparlo se poi devono passare il progetto pure agli altri? ;)

|3arak
07/03/2014, 19:23
infatti dovrebbero essere compatibili anche a livello hardware, ovvero compro il pulce RedRay e lo metto sul barret preparato con LTI.. o X-Tag, idem per i sensori.. per ora ho provato sia RedRay che X-Tag e penando un po la compatibilità per i proietori c'è, per i sensori idem (ma senza penare :giggle: )

ma purtroppo c'è ancora da limare.. anche se è già possibile giocare senza troppe pretese con più sistemi

------ Post aggiornato ------


proiettore pulce esteticamente perfetto ma non il massimo come proiettore... da provare direi prima di comprare

credo che il problema del pulce sia il fascio troppo stretto abbinato ai sensori red ray inscatolati.. ora bisogna vedere come si comporta con le nuove scatoline redray, tuttavia il pulce è l'unico in commercio che non da problemi di rifrazione ed è l'unico proiettore che risolve il problema delle impostazioni notturne, l'ho provato di notte e il fascio anche a distanza non si allarga di molto, diciamo che diventa come un normale proiettore a "silenziatore" redray tuttavia le distanze si allungano di molto.. gli altri proiettori necessitano di impostazioni notturne per evitare di taggare a 360° nelle vicinanze.. non ho mai provato il LACS purtroppo.. riassumendo però:

LTI: un po ostico da montare.. è un kit DIY, il proiettore ha il fascio un po troppo largo a quanto ho visto, ed è unico per tutti i itpi di fucili, in teoria solo via cavo, quindi niente wireless, sensori a cupolina, per quanto riguarda gli accessori ci sono il minimo indispensabile per tornei e giocate abbastanza avanzate.

RedRay: abbastanza semplice da installare, di per se il kit è montato, i sensori sono a scatolina con sensore sempre in ombra, ma questo riduce purtroppo la sensibilità sull'asse verticale soprattutto che abbinato con il pulce rende un po difficile taggare, il pulce soffre meno i problemi di luce e e notturni, si ha purtroppo una scatola sul fucile, e si può scegliere tra cavo e wireless, distanze di ingaggio calibrate per ogni tipo di fucile riprodotto.. gestione delle impostazioni un po ostiche per tornei con grandi numeri.. diciamo che gestire 30 giocatori in un torneo a fazione si sclera un bel po.. ci sono molti accessori..

LACS: ha due scatoline una sul fucile e una sul tattico, sensori piccolissimi, proiettore fuori asse sia sull'alzo che la deriva, permette di utilizare il fucile anche a soft air, e volendo in contemporanea, distanze differenziate solo per gli sniper, purtroppo non avendolo non posso essere troppo preciso.. per quanto vedo sul sito il sistema è un po deficitario per quanto riguarda gli accessori, per quanto riguarda il nuovo kit credo di aver capito che il fucile resta indipendente dai sensori.. vabbeh low cost ma così non serve a nulla.. una specie di ARF IR.. boh

X-Tag: wireless, compreso il danno, bluetooth per altre funzioni soprattutto per le impostazioni davvero SEMPLIFICATE, niente scatoline sul fucile, entra tutto nel caricatore, batterie standard e sostituibili anche in tornei con fucili bloccati (bisogna ingegnarsi un po e mettere un connettore in parallelo), purtroppo la scatolina che va nel tattico è grandicella, ma entra in un portacaricatori doppio, il volume è un po bassino a mio avviso, sincronizza il gearbox con i colpi digitali, il proiettore è controllato da sistema quindi distanze differenziate (un po come RedRay ma con il 3 stelle e 4 stelle accorpati in una via di mezzo) proiettore che purtroppo ha bisogno delle impostazioni notturne ma comunque piccolo, si monta abbastanza facile come RedRay, sensori a cupolina come LTI.

bloch999
08/03/2014, 07:01
non concordo sulla frase "però io non credo debbano essere UGUALI perchè a quel punto tanto vale unirsi e fare una sola marca... come scelgo poi io? in base alla simpatia del venditore? :-D". le racchette da tennis hanno tutte dei requisiti comuni ma NON sono tutte uguali... sia per prezzo che per qualità e NON esiste un solo produttore monopolista. la differenza giustamente come dice arak ci può essere cmq anche avendo caratteristiche di fascio e sensori comuni. con 3arak non concordo sulla necessità d interscambio fra parti di kit diversi, se c'è e uno si vuole sbattere bene ma non la trovo così fondamentale. anche sul cosidetto "semi arf" di LACS non sono molto d'accordo. e' cmq molto meglio del softair e permette di fare giocate anche con chi ha un kit standard. unica cosa che mi sorprende che ci abbia pensato lacs dopo 2 anni da quando ha iniziato e red ray e lti non ci hanno pensato in 15 anni o più. qualora qualcuno riuscisse a fare un fucile finito a 300 euro (per ora non ci siamo ancora) secondo me riuscirebbe a far decollare il lasertag.

|3arak
08/03/2014, 17:28
Per quanto riguarda l'intercambiabilità, basta semplicemente uno standard sui cablaggi, questo garantirebbe la piena compatibilità, uno potrebbe risparmiare sul proiettore, comunque sarebbe comodo ma non indispensabile.

Per quanto riguarda il LACS, il nuovo kit, non riguarda il laser tag però, come ho detto è un po come l'ARF, ora anche l'ARF blocca la replica una volta colpito, il nuovo sistema LACS a quanto ho capito NO, suona solo la sirena, la replica continua a sparare sia pallini che colpi digitali, non ha molta utilità, e continuo a credere che pallini e colpi digitali insieme non servano.. fa comodo solo alla T&T.

Anche io non concordo con kit uguali, ma devono avere caratteristiche omologate, basterebbe avere un menù standard ed un menù proprietario, come sta cominciando a fare la RedRay con gli ultimi aggiornamenti, dove alcune opzioni della casa sono deselezionabili (esempio calzante il respawn a colori che nell'aggiornamento precedente NON ERA DESELEZIONABILE). Ogni casa ha più o meno sviluppato delle opzioni aggiuntive, ad esempio LACS ha escogitato il modo per differenziare i colpi da distanze diverse, ottimo, ma ad un eventuale torneo devo poterlo deselezionare, perchè altri sistemi non hanno questa opzione.

Come faccio a organizzare un torneo con RedRay e LACS dove il proiettore LACS raggiunge comunque 200 metri (che so io non è regolabile da software)?

Purtroppo concordo con te nel fatto che una replica finita e intorno ai 300€ farebbe decollare il Laser Tag, che per ora è un mondo esclusivo o quasi per ex soft gunner in quanto si risparmia il costo dell'ASG.. e al momento siamo lontani.

Sagittario
13/03/2014, 11:00
Grazie, per le info, ho cercato di leggere attentamente e di cogliere tutte le sfumature dei vari sistemi.

Ecco perche' mi premeva capire se esiste un progetto OPENSOURCE, con un tipo di approccio del genere, non finalizzato al solo guadagno, si possono impostare standard di comune accordo e si sviluppa un sistema normalmente a basso costo dove tutti contribuiscono al miglioramento.

Analogamente al software OPENSOURCE.

E' chiaro che risulta necessario uno sforzo da parte della comunità interessata a partecipare al progetto, definendo una guida tecnica/progettuale che sviluppi il sistema e lo renda disponibile, in seguito, a chi vuole farne uso.

DeB
14/03/2014, 17:22
Sagittario, l'opensource sarebbe ottimale ma per fare un sistema completo ci vuole tempo e soprattutto taaaaaaaanti soldini.

Soprattutto se vuoi partire da zero e non copiare un milesTag o altri prodotti simili.

Inoltre si apre il problema delle manomissioni. Io gioco con 100 persone, magari tra questi 100 una persona ha messo qualcosa nel suo kit che gli permette di fare certe cose rispetto agli altri, quindi si incorre in problemi sul campo da gioco. Diciamo che puoi aprire le porte ad un certo tipo di cheating!

bloch999
15/03/2014, 06:14
cmq in materia di testing della compatibilita degli attuali sistemi il 23 marzo in toscana (non ricordo dove non andandoci sono dettagli) ci sara' una mega partita con 140 sistemi di tutte le aziende vecchie e nuove e si giochera' tutti insieme. sarebbe interessante avere i commenti dopo quell' evento.

bloch999
17/03/2014, 06:55
a proposito dicevamo alcuni post sopre di un sistema fatto da lacs cosidetto Kit di base, ovvero proiettore e sensori con quasi niente di elettronico quindi un simil arf... lo sta studiando anche red ray

Sagittario
17/03/2014, 10:01
Penso che il problema del Cheating lo abbiano tutti i sistemi, non solo quelli open....

Credo che affrontare il problema della manomissione del software sia prematuro ora e non credo vi siano difficoltà nell'implementare una soluzione che setti tutte le armi in gioco alla stessa maniera..... Le GOD dovrebbero servire proprio a questo no ?

Se parli invece del proiettore, beh.... anche quello potrebbe essere opportunamente configurato in modo tale da non essere modificato nelle sue caratteristiche di emissione..... basta, ad esempio, standardizzare la lunghezza del medesimo per imporre una focale ben precisa e una lente ben precisa..... o sbaglio ?

Sto ipotizzando chiaramente e teorizzando allo stesso momento....

|3arak
17/03/2014, 15:49
a proposito dicevamo alcuni post sopre di un sistema fatto da lacs cosidetto Kit di base, ovvero proiettore e sensori con quasi niente di elettronico quindi un simil arf... lo sta studiando anche red ray

non so se sia la stessa cosa, il sistema base LACS non blocca la replica.. mentre l'entry level della red ray ha tutte le funzioni degli altri sistemi, quindi blocca anche la replica, hanno solo risparmiato sul display..

Poi non so se c'è in progetto un altro kit ancora più base alla red ray..

per quanto riguarda la compatibilità software è già capitato sul campo di utilizzare sia RedRay che LTI che ora X-Tag.. vanno.. ovvio su un eventuale torneo non so.. faccio un esempio stupido:

la RedRay nel respawn ha 20 secondi di countdown che aiutano ad uscire dal respawn point ed evitano i camperoni alla CounterStrike.. X-Tag il segnale di respawn lo interpreta come un reset, quindi di fatto rientra immediatamente in gioco.. è una differenza sostanziale.. con X-Tag in quel frangente sono svantaggiato..

tra l'altro ci sono da limare problemi hardware.. ad esempio:

il proiettore PULCE RedRay permette di sparare al chiuso e al buio senza problemi di rifrazione, le altre case ogni volta che entri in un ambiente chiuso spara solo il primo della fila.. e tagga tutto.. provato più volte a Castel di Tora, dove fuori ci sono distanze di 80 metri ed oltre e dentro al castello è un casino, impensabile cambiare di volta in volta le impostazioni.. d'altro canto il PULCE RedRay non subisce minimamente le impostazioni notturne quindi di fatto di notte le distanze si allungano (tra l'altro senza allargare troppo il cono..) creando squilibri..

A mio parere il proiettore che da meno rogne è proprio il PULCE RedRay.. ora dovrei provare per bene quello X-Tag.. di certo quelli tipo silenziatori li scarterei a prescindere..

Altra cosa, i vecchi proiettori RedRay sono visibili, anche se a pochi metri, dai visori, in quanto il LED IR è sempre alimentato, visibili appunto con visori notturni di II Gen, i PULCE sono leggermente più intensi.. ma rimangono visibili per pochi metri anche loro, tanto per fare un esempio, io me ne sono accorto guardando in basso con il visore e vedevo come una torcetta accesa in terra.. dopo un paio di metri spariva.. dal di fronte con il visore a 5 o 6 metri vedo tutti e due se mi puntano.. basta un piccolo angolo e spariscono.. ora bisogna vedere con visori di III Gen.. sicuramente ci sarà qualche problema.. i visori di III Gen arrivano, se non erro, ad amplificare fino ai 950nm.. quelli di II Gen 800 nm sulla carta il PULCE i LED IR utilizzati per il laser tag dovrebbero essere visibilissimi ad un III Gen...

DeB
19/03/2014, 23:56
@Sagittario il problema del cheating non è cambiare le impostazioni durante i game, cosa bloccabile per altro tramite server di gioco, ma che qualcuno abbia codici "opportunamente" modificati per essere avvantaggiati in determinate situazioni.

Mi viene in mente questo ad esempio:
un codice normale riceve 100% dei colpi.
un codice alterato riceve 50%. uno ne arriva e quello dopo lo scarta. O magari ricarica la vita dopo un tot, alla call of duty ad esempio.
Sono sottigliezze ma oggi imparare a scrivere 4 righe di C è mooooolto semplice. ;)

In X-TaG i proiettori sono diversi e portati al limite hardware e gestiti via software. Un illuminatore mini non supera una certa distanza ed è adatto dalle SMG ai fucili da assalto 7,62.
Per tiri da cecchino si deve montare il proiettore più grande, ottimizzato per raggiungere distanze maggiori e con rosa ancora più stretta.

La compatibilità di gioco esiste, non dico al 100% ma al 90% sicuramente.
Ci sono diversità di impostazioni, Barak dice bene, il respawn ritardato o altre cavolate non sono identiche, ma sono dettagli magari inutili. X-TaG una volta partiva con già l'arma carica , ci hanno fatto presente che era una cosa che dava troppo vantaggio quando si riceveva il segnale di rinascita e si è cambiata la funzionalità.

Tra i vari produttori poi ci sono caratteristiche hardware/software differenti, dovute all'architettura scelta/seguita in fase di progetto.

un progetto open lo vedrei bene su certi accessori più che su un sistema completo

Sagittario
20/03/2014, 11:02
Ciao,beh si, scrivere 4 righe in C come dici tu, non e' difficile, bisogna avere il programmatore, il compilatore, capirne etc etc etc.Per esempio, ma solo per esempio, se venisse inserito un valore in piu' nella sequenza di sparo, ad esempio un checksum error che verifica la correttezza o meno del codice, il problema del cheating sarebbe in parte risolto..... Creare un checksum non e' difficile, mi viene in mente, un calcolo molto semplice, il numero totale di caratteri di una routine, da origine ad un checksum.... che viene utilizzato per il controllo.... checksum diversi controllati da una godgun e il gioco e' fatto, si scopre il "manipolatore" di software... :-)E' un esempio buttato giu' ora mentre sto scrivendo..... Poi se uno approfondisce, un metodo migliore lo trova di sicuro....ad esempio, un altro checksum che controlla solo i valori statici delle variabili e non di quelli che variano dinamicamente durante le fasi di gioco.... un idea...Oggi mi sono messo allo studio del PIC e dei suoi aspetti di programmazione..... magari tra un po' di tempo riesco a far accendere dei led :-)

|3arak
20/03/2014, 17:33
DeB occhio anche sugli accessori deve esserci uno standard, altrimenti poi sul campo è un macello.. Ad esempio l'utilizzo del wireless per i colpi a segno ad area..

l'open source ok ma temo che se poi si arrivi al caos... Soprattutto in tema di gare, ad ora è già difficile cosí.. Ad esempio LTI di suo non ha il gearbox attivo, ma è a discrezione dell'utente finale, se arriva sul campo una replica LTI la devo impostare come "silenziata", se arriva una replica con il sistema WHEEP resta in macchina per la distanza che copre nettamente maggiore, ad essere precisi anche il sistema LACS puó dare noie.. I proiettori arrivano a circa 200m (non so se è possibile de potenziali via software), anche gli accessori non sono tutti compatibili, al momento per esempio le TK3 REDRAY danno problemi con X-Tag.. Insomma c'è ancora da calibrare qualcosa.. Ma il grande ostacolo non è software, li credo che le varie case possano intervenire con aggiornamenti, ma bensì hardware.. li è un po' più difficile...

bloch999
03/04/2014, 07:11
si vero l'hardware è il vero problema. Il problema del problema per così dire è che non esiste un ente superiore (tipo coni) che per ora abbia la forza di dare degli standard ma orse prima o poi ci si arriverà. l'altra soluzione potrebbe essere invece quella che stabilisce la vittoria di alcuni prodotti su altri. ovvero se fra qualche anno un sistema sarà prevalente nettamente come diffusione (e per ora nessuno lo è) tutti gli altri pur di non essere fuori mercato si sbatteranno per fare un prodotto "compatibile". ma anche questo per ora è lontano.

bravo15
15/04/2014, 15:12
Per quanto riguarda l'intercambiabilità, basta semplicemente uno standard sui cablaggi, questo garantirebbe la piena compatibilità, uno potrebbe risparmiare sul proiettore, comunque sarebbe comodo ma non indispensabile.

Per quanto riguarda il LACS, il nuovo kit, non riguarda il laser tag però, come ho detto è un po come l'ARF, ora anche l'ARF blocca la replica una volta colpito, il nuovo sistema LACS a quanto ho capito NO, suona solo la sirena, la replica continua a sparare sia pallini che colpi digitali, non ha molta utilità, e continuo a credere che pallini e colpi digitali insieme non servano.. fa comodo solo alla T&T.

Anche io non concordo con kit uguali, ma devono avere caratteristiche omologate, basterebbe avere un menù standard ed un menù proprietario, come sta cominciando a fare la RedRay con gli ultimi aggiornamenti, dove alcune opzioni della casa sono deselezionabili (esempio calzante il respawn a colori che nell'aggiornamento precedente NON ERA DESELEZIONABILE). Ogni casa ha più o meno sviluppato delle opzioni aggiuntive, ad esempio LACS ha escogitato il modo per differenziare i colpi da distanze diverse, ottimo, ma ad un eventuale torneo devo poterlo deselezionare, perchè altri sistemi non hanno questa opzione.

Come faccio a organizzare un torneo con RedRay e LACS dove il proiettore LACS raggiunge comunque 200 metri (che so io non è regolabile da software)?

Purtroppo concordo con te nel fatto che una replica finita e intorno ai 300€ farebbe decollare il Laser Tag, che per ora è un mondo esclusivo o quasi per ex soft gunner in quanto si risparmia il costo dell'ASG.. e al momento siamo lontani.

Attenzione se non hai il LACS come fai a dire che non è regolabile, perché dai risposte senza essere competente in materia?
Invito tutti a stare attenti a postare cose non veritiere perché in vece di far del bene si finisce per fare solo confusione.
Il sistema LACS ha più di 10 livelli di regolazione della potenza del fascio e può essere regolato per ingaggiare a pochi metri o a centinaia di metri.

|3arak
16/04/2014, 00:17
Ciao Bravo15,

la risposta alla tua domanda è semplice semplice, sul sito non è specificato, sui video parlate di distanze di circa 200 metri e fate vedere gli M4, tutto qui, su alcuni video si parla della differenziazione dei colpi a seconda della distanza, ma l'opzione è deselezionabile? Queste informazioni servono se si vuole organizzare qualche evento, mica uno si può comprare tutti i sistemi in commercio.. ormai bisogna pensare ad uno scenario multi sistema, per esempio se devo utilizzare l'autorespawn a 3 minuti.. ok RedRay, ok LTI.. X-Tag resta a casa per il momento, LACS idem, WHEP idem. Qui mi spiace solo sul sito red ray si possono scaricare una bozza dei menù.. per il resto bisogna telefonare, email.. Palantir..

anche mettere le info nei nei video rimane scomoda la consultazione.. Sui forum idem.. bisogna descrivere per bene il prodotto.. Per esempio non è specificato se nel kit low cost LACS il sistema blocca la replica, se è configurabile come gli altri prodotti.. Gestisce le piastre balistiche boh.. organizzando non posso rischiare di trovarmi un ragazzo sul campo e LI capire che non potrà giocare.. Non posso scrivere sul book, "aperto a tutti i sistemi" perché se poi mi viene uno con il WHEP che tira a 800 metri che faccio?!? Mettici che il giocatore medio non sa manco cosa c'ha in mano.. per esempio la N1 RedRay manda in configurazione il kit LACS ? Xtag ha la configurazione tutta sua per esempio..

q8)

Nonaeme
16/04/2014, 10:01
scusami bravo15, ma invece di uscire una volta ogni morte di papa per dare degli incompetenti e dei confusionari a coloro che CERCANO DI CAPIRE come funziona una cosa e soprattutto all'UNICO "coglione" (ovviamente non è per offenderti barak!! :D ) che si degna DA ANNI di rispondere ai poveracci che vorrebbero entrare in questo controverso mondo, non sarebbe cosa buona e giusta entrare nelle decine o centinaia di discussioni nate e morte e parteciparvi COSTRUTTIVAMENTE? ;)

il LACS è un sistema che obiettivamente non conosce nessuno (a parte questi fantomatici militari che ci si addestrano, solo ed esclusivamente perchè lo possono montare sull'arma di ordinanza), e personalmente sono anni che chiedo info a riguardo senza MAI aver ottenuto risposte se non che "il cono è di 20cm" anzichè "l'errore di parallasse non c'è" oppure "lo usano i militari veri quindi è piu figo degli altri"... :evil:

visto che si parla di un prodotto che volete vendere, non sarebbe coerente dedicare un po di attenzione ai vostri futuri clienti?
io non so se barak c'ha un negozio di RR o che eventuale impegno abbia nell'azienda visto l'impegno che ci mette, ma da quello che vedo da anni so che se mi compro un RR ho una persona davanti che mi risponde su un forum, davanti a tutti e con soluzioni e risposte a domande magari fatte 100 volte!
il customer care conta piu della metà del valore di un prodotto, e se tanto mi da tanto se mi comprassi un LACS dopo aver sganciato il grano ogni magagna dovrei tirare ad indovinarla da quel che sembra qui... :evil:

non voglio offenderti ma mi piacerebbe che tutti i "rappresentanti" (non necessariamente DELLA azienda, anche dei possessori un po piu esperti in grado di aiutare) delle aziende lasertag che abbiamo da noi intervenissero nelle discussioni per chiarire le cose sui loro prodotti al volgo becero, invece di uscirsene coi soliti "basta chiamare in azienda/basta frequentare il forum dedicato/basta andare al negozio di bruxelles etc e avrete la massima disponibilità", perchè così non va... ;)

|3arak
16/04/2014, 14:37
Faccio un po' di chiarezza:
Non ho nessun negozio

Non ho nessuna azienda

Sono un membro fondatore dei Band of Brothers di Morlupo, che s'è presa la missione laser tag all'interno del club

Un po ci smanetto sulle repliche.. due saldature le so fa.. E focalizzo un po le idee, richieste e quant'altro di un po tutto il club

Con Red Ray e XTag ho esperienza diretta, LTI li ho visti alcuni sul campo, WHEP purtroppo per me è un animale mitologico, LACS sta uscendo allo scoperto ora ma almeno qui a Roma e dintorni non si vedono e io sito non chiarisce tutti i dubbi

per ora posso dire che Red Ray ha il sito un po' più dettagliato, in più avendolo mi è più semplice, XTag idem anche se all'uscita le info erano praticamente top secret alla fine l'ho comprato a scatola chiusa e sembra buono come prodotto ma per quello che ho visto mediamente ogni kit ha il suo punto carente

Ad esempio a mio avviso sempre, intendiamoci, il sistema sensori migliore mi sembra quello del LACS, piccoli, ogni sensore ha i suoi connettori, così è più facile passare i cavi, hanno il supporto per le PALS del sistema MoLLE, anche se bisognerà sicuramente mettene qualcuno sopra le tasche ma vabbeh.. sono più gestibili senz'altro delle altre soluzioni con i sensori

Il miglior proiettore per me è senza dubbio il PULCE RedRay, piccolo, cono di circa 80cm, quin di non esce dalla figura, concentrato quanto basta per essere evidente ai sensori a sole, di fatti dalle prove che ho fatto con il pulce la distanza al sole diminuisce si ma sensibilmente meno, somiglia ad uno spegnifiamma normalissimo, di giorno, di notte al chiuso o all'aperto a lui non frega nulla, rimbalzi solo se sei capace a giocare a biliardo, il cono di notte sicuramente si allarga ma rimane sempre stretto quanto basta per divertirsi.. provato.. senza problemi.. l'unico problema è che rimanendo sempre alimentato con il visore di seconda un po si vede fino a massimo una decina di metri e se puntato contro.. questo anche i normali silenziatori RedRay ma un po di meno..

Il miglior sistema implementato, sempre a mio avviso XTag, la replica rimane immutata, tutto dentro il caricatore o in spazzi piccolissimi, gearbox attivo collegamento senza fili di base. Menù di gestione finalmente pensato per il campo, facile, veloce, intuitivo e immediato.

Poi la RedRay ha di buono i caricatori attivi, tutto quello che riguarda la gestione delle giocate, accessori

Del LACS è buono il concetto della differenza di danno tra colpi sparati dalla distanza o meno

RedRay e Xtag hanno la gestione dell'impennamento/rinculo

Tutte hanno come maggior difetto il prezzo, soprattutto per chi comincia, basta farsi due calcoli.. replica e kit e situazione economica del paese attuale, in più mettici che devi rivolgerti magari a più persone per cominciare, ossia compri l'asg qui, compri il kit li.. e vai a fartelo montà dellà.. nel frattempo t'è passata la voglia..

Altro difetto è l'assenza di strumenti diagnostici, se qualcuno non viene taggato E CAPITA, può essere tutto, ottica che si è spostata, sensori difettosi, ma che reagiscono alle brevi distanze, proiettori bruciati, che taggano alle brevi distanze, connettore e cavi, saldature fredde, incapacità del giocatore (questa risolve diciamo il 50% dei casi in verità ahahah), per pasare poi ale repliche che strutturalmente non sono adatte per via delle canne ballerine.. per esempio l'ACR, spesso togliendo l'hop up la canna non riesce a serrarsi a dovere e balla un pochino, gli M4 di plastica o comunque la serie colt.. utilissimi da dietro l'angolo, ma non chiedete di sparare sempre nello stesso punto..

Nel soft air se il gruppo aria va bene lo vedi ad occhio, se l'asg è in regola lo vedi dal cronografo.. oh i pallini che escono li vedi, se non pesca il caricatore lo sai vedi.. se l'IRG spara pensi che il segnale vada ma è tutto un punto interrogativo.. magari il LED è andato.. e o dall'altra parte i sensori sono difettosi.. a noi è capitato un set di sensori che andavano bene con alcuni proiettori ma non con altri.. una partita di sensori difettati/non compatibili ma abbiamo perso a turno tutti un po di tempo per tarare le ottiche che non c'entravano nulla.. da vicino sti sensori andavano.. con il tester andavano.. poi capitava un angolo particolare dalla distanza e non li taggavi con alcuni sistemi ma venivano taggati con altri..

bloch999
17/04/2014, 06:40
per ora la maggior parte delle squadre lacs sono al nord perchè ovviamente per una azienda di bassano del grappa è più facile raggiungere squadre vicine a cui far provare che lontane. Cmq per provare alla band of brothers in abruzzo ci saranno parecchi kit lacs giocanti prova a sentire gli Orsi d'abruzzo per andare a vedere o partecipare... con quelli di lacs hanno appena provato i blu devils di Mantova ed è andata una meraviglia e nonostante il temuto "fascio stretto" per cui si dice che uno debba essere guglielmo tell per far centro... 25 softgunners si sono divertiti e hanno fatto centro cmq. quindi forse nella realta il fascio non è poi così inadatto e gli 8 sensori così scomodi e complicati....

|3arak
17/04/2014, 10:52
Più il fascio è stretto e concentrato più il segnale è forte, più il segnale è forte meno i sensori soffrono il sole forte, più il fascio è stretto meno sono necessarie le impostazioni notturne, per quanto riguarda i sensori corpo, ora credo siano abbastanza piccoli, come detto sopra i LACS sembrano la soluzione migliore sia per grandezza che per sistema

phoenix128
06/05/2014, 22:15
considera che molti, come me, sono davvero frenati dal fatto di portare dietro tutti quei cavi e cavetti e quegli orrendi orpelli cone anpeq e silenziatori sulle proprie asg...
ovviamente quando si parla di compatibilità si parla di cio che tu dici e sono cmq compatibili! ;)

però io non credo debbano essere UGUALI perchè a quel punto tanto vale unirsi e fare una sola marca... come scelgo poi io? in base alla simpatia del venditore? :D
se il pulce mi da un fascio piu stretto prendo il pulce, se i sensori di xtag mi danno maggior ricezione prendo quelli etc... se fossero esattamente uguali non credo ci sarebbe mercato e CONCORRENZA quindi fanno cartello e ci teniamo tutti i kit base a 350 euro ;)

magari un domani esce red ray con un silenziatore da barrett che fa 1km, ovviamente COMPATIBILE con gli altri sistemi ma lo fanno solo loro!
che senso avrebbe svilupparlo se poi devono passare il progetto pure agli altri? ;)

I sensori XTag si possono anche montare come quelli LACS, basta aprire la cupoletta, separare i sensori e sono quasi identici, il vero problema è che un sensore scoperto, se minimamente graffiato, perde molta della sua efficienza. Per questa ragione XTag ha voluto proteggerli con una cupola trasparente.

Per quanto riguarda la compatibilità sensori puoi attaccare sensori RedRay o LTI sui sistemi XTag e funzionano correttamente, il componente è uguale per tutti e tre, si tratta sempre dello TSOP 4840 per quanto sappia io. Addirittura il connettore è lo stesso. Lo abbiamo proprio fatto per garantire la giocabilità e non "speculare" su questo genere di cose.

Per gli illuminatori bisognerebbe provare, non saprei se il Pulce si può attaccare ad un sistema XTag, ma personalmente non lo proverei nemmeno dato che non mi trovo molto bene a giocare con il laser per via del cono eccessivamente stretto e della necessità di "tappezzarsi" di sensori. Da un certo punto di vista è sicuramente più simulativo, ma a mio avviso è ingiocabile. Inoltre per essere effettivamente simulativo dovresti avere sensori in tutto il corpo.

Per gli sniper XTag offre un proiettore in stile "silenziatore" che copre lunghissime distanze con un cono accettabilissimo.

Per la compatibiltà è anche in atto il progetto ILOP che servirà ad uniformare anche molti aspetti hardware pur mantenendo le peculiartià di ogni sistema. La concorrenza esisterà comunque per le funzioni accessorie, ma è importante che i tutti abbiano la possibilità di giocare, anche con sistemi misti.

Nonaeme
06/05/2014, 22:30
grazie delle delucidazioni, ma il pulce è laser, non ir? non lo sapevo!
quindi ha un cono molto piu stretto degli altri? e non è che crea problemi se spari agli occhi?

e il silenziatore per sniper (che è fondamentalmente la ragione principale per cui passo al LT :D ) che distanze copre? e quanto è grande il cono alla massima distanza? chiedo perchè come dici tu con un cono piu grande c'è un po piu di divertimento visti i sensori solo in capa, ma se lo sniper arriva (esempio) a 500mt e a quella distanza il cono è di 2mt di raggio allora mi sembra ti sparare con un lanciamissili!! :D

riguardo ad ilop ci aveva informato il grande barak e siamo in attesa di sviluppi, speriamo che non va a finire alla solita itaglianata dove o litigano tutti o fanno cartello :twisted:

|3arak
07/05/2014, 08:55
È un led ad alta intensità ed ha già un angolo ideale per giocare quindi non ha bisogno di lenti per focalizzarlo, le emissioni sono classificate in I fascia, non è assolutamente un fascio omogeneo, infatti è un cono come tutti gli altri, se il pulce arriva a 120 metri e il proiettore principali o arriva a 120 metri le emissioni sono le stesse.. Altrimenti andava più lontano.

C'è da fare anche un discorso di esposizione, nessun sistema usa un fascio continuo, quindi le
emissioni sono limitate a pochi mS..

cambia il discorso se ci si diverte ad osservarlo sparare attaccando l'occhio e escludendo i led rossi, il fascio infrarosso a brevi distanze potrebbe essere dannoso perché le palpebre non reagirebbero alla sola luce infrarossa..

phoenix128
07/05/2014, 10:33
grazie delle delucidazioni, ma il pulce è laser, non ir? non lo sapevo!
quindi ha un cono molto piu stretto degli altri? e non è che crea problemi se spari agli occhi?

e il silenziatore per sniper (che è fondamentalmente la ragione principale per cui passo al LT :D ) che distanze copre? e quanto è grande il cono alla massima distanza? chiedo perchè come dici tu con un cono piu grande c'è un po piu di divertimento visti i sensori solo in capa, ma se lo sniper arriva (esempio) a 500mt e a quella distanza il cono è di 2mt di raggio allora mi sembra ti sparare con un lanciamissili!! :D

riguardo ad ilop ci aveva informato il grande barak e siamo in attesa di sviluppi, speriamo che non va a finire alla solita itaglianata dove o litigano tutti o fanno cartello :twisted:

Da quello che era stato scritto tempo addietro anche su FB il pulce dovrebbe essere un laser, ma questa è una domanda che andrebbe fatta direttamente al produttore RedRay e sulla quale non posso fornirti indicazioni esatte.
Il silenziatore sniper XTag (modello base) in condizioni di luce favorevole supera i 250mt senza passare in modalità "lanciamissili" :). Si allarga ovviamente un po', ma come spiegavo prima a nostro avviso è più giocabile di tentare il tiro impossibile :o.

Per quanto concerne ILOP, noi di XTag siamo fortemente motivati a supportarlo e indipendentemente da quello vogliamo fare della compatibilità un must, tanto che se ci vengono segnalate incompatibilità ci offriamo di aggiornare gratuitamente i sistemi.

Poi guarda, noi offriamo demo gratuite e la cosa migliore è provare direttamente e vedere se piace :)

|3arak
07/05/2014, 11:51
Chiedendo alla RedRay il PULCE rientra nei dispositivi ottici di I Classe come il vecchio proiettore RedRay e come il resto dei proiettori..

Le distanze coperte sono pressoché le stesse, il led del pce ha un angolo più stretto, questo ne permette l'utilizzo senza lenti di fuoco

questo è ciò che ho capito suo funzionamento

bravo15
07/05/2014, 15:54
In merito alle distanze, laser o LED, tralasciando la dimensione dello spot che quello può dipendere da molti fattori, resta inteso che la definizione della classe avviene per sommatoria di molteplici fattori: potenza emessa, tempo di emissione, dimensione dello spot. Quindi possiamo trovarci con proiettori con led in classe 1 che arrivano a superare la classe 3 e laser in classe 3 che rientrano in classe 1. La LACS sta tutt'ora conducendo test approfonditi anche in ambito militare dove per raggiungere distanze oltre i 500 metri utilizza obbligatoriamente degli occhiali speciali. In realtà il produttore è tenuto a rilasciare un certificato che dimostri/garantisca che la propria attrezzatura così come è venduta sia inequivocabilmente in classe 1. Se il produttore non rilascia tale certificato vige la regola della prudenza e l'apparecchiatura va considerata potenzialmente pericolosa. La LACS fa sapere inoltre che il suo proiettore di precisione con spot che vanno dai 20 ai 40 centimetri dai 2 ai 200 mt risulta essere a 2/3 della classe 1. Ipotizzando che questo corrisponda a verità e che quindi l'ente certificatore non abbia sbagliato, ne deriva che qualora qualcuno sviluppasse un emettitore che supera di gran lunga tale distanza, diciamo che arriva tra i 250 e i 300 mt in condizioni di sole allo zenit e 36 gradi centigradi, molto probabilmente sta emettendo (tramite led o laser) un fascio che va ben oltre la classe 1. Quindi prima di sparare negli occhi a qualcuno è meglio pensarci bene e pensatevene anche se montare proiettori molto performanti senza disporre di una copia della certificazione ottica e della certificazione CE. La certificazione CE che include anche riferimenti alle potenze emissive dei prodotti LACS la potete trovare sul sito.

Per quanto riguarda i sensori che si strisciano, per rifarsi al post precedente, si fa presente la LACS ha sviluppato appositamente un involucro, il cui design è registrato, che grazie a specifiche sagomature protegge il sensore pur evitando di apporvi materiali schermanti.

phoenix128
07/05/2014, 16:11
In merito alle distanze, laser o LED, tralasciando la dimensione dello spot che quello può dipendere da molti fattori, resta inteso che la definizione della classe avviene per sommatoria di molteplici fattori: potenza emessa, tempo di emissione, dimensione dello spot. Quindi possiamo trovarci con proiettori con led in classe 1 che arrivano a superare la classe 3 e laser in classe 3 che rientrano in classe 1. La LACS sta tutt'ora conducendo test approfonditi anche in ambito militare dove per raggiungere distanze oltre i 500 metri utilizza obbligatoriamente degli occhiali speciali. In realtà il produttore è tenuto a rilasciare un certificato che dimostri/garantisca che la propria attrezzatura così come è venduta sia inequivocabilmente in classe 1. Se il produttore non rilascia tale certificato vige la regola della prudenza e l'apparecchiatura va considerata potenzialmente pericolosa. La LACS fa sapere inoltre che il suo proiettore di precisione con spot che vanno dai 20 ai 40 centimetri dai 2 ai 200 mt risulta essere a 2/3 della classe 1. Ipotizzando che questo corrisponda a verità e che quindi l'ente certificatore non abbia sbagliato, ne deriva che qualora qualcuno sviluppasse un emettitore che supera di gran lunga tale distanza, diciamo che arriva tra i 250 e i 300 mt in condizioni di sole allo zenit e 36 gradi centigradi, molto probabilmente sta emettendo (tramite led o laser) un fascio che va ben oltre la classe 1. Quindi prima di sparare negli occhi a qualcuno è meglio pensarci bene e pensatevene anche se montare proiettori molto performanti senza disporre di una copia della certificazione ottica e della certificazione CE. La certificazione CE che include anche riferimenti alle potenze emissive dei prodotti LACS la potete trovare sul sito.

Per quanto riguarda i sensori che si strisciano, per rifarsi al post precedente, si fa presente la LACS ha sviluppato appositamente un involucro, il cui design è registrato, che grazie a specifiche sagomature protegge il sensore pur evitando di apporvi materiali schermanti.

Ciao Bravo15, non vorrei avessi frainteso il significato del predente post, non voleva essere una critica al modello di sensori LACS, ci mancherebbe altro. Anche perché sono certo che LACS abbia trovato un'ottima soluzione per proteggerli, inoltre so che utilizza un modello diverso dal 4840 e non conosco nemmeno le caratteristiche tecniche.

A parte questa precisazione di intenti :) ho voluto quotarti perché concordo appieno con quanto hai detto in merito alle potenze di emissione e lo ribadisco dato che ultimamente sono in molti a spararla grossa sulle distanze senza conoscerne le implicazioni o omettendo (volutamente o meno) qualche particolare.

Infatti, indipendentemente dal fatto che un emettitore sia laser o meno, un fascio molto stretto a lunga distanza è comunque potenzialmente pericoloso se troppo concentrato.

Infatti anche noi di XTag abbiamo voluto richiedere sia la certificazione relativa al rischio fotobiologico che la certificazione CE sulle elettroniche. Infatti, chi volesse, può visionare il certificato e verificare.

Inoltre, eccezione fatta per ambiti di addestramento, una distanza di 200-250 mt è più che sufficiente per un gioco, io eviterei di arrischiarmi in problemi derivati dal potenziamento dell'emissione.

|3arak
07/05/2014, 18:57
Onde evitare altri fraintendimenti, ho provato il PULCE, e le distanze le ho prese con due telemetri, in condizioni di sole pieno (maggio scorso) il massimo risultato ottenuto è di circa 235 metri, alle 19 del pomeriggio 317 metri (e poi me so stufato), il PULCE montava una resistenza di 20 KOhm dato che sugli AN/PEQ RedRay ho montato su tutti delle batterie 7,4V LiPo.

Ci tengo a precisarlo perchè vuoi o non vuoi si è sparsa una voce allarmistica dove si descrive il proietore PULCE come altamente dannoso perchè catalogato "LASER", che come sopra descritto da Bravo15, "dipende da molte cose".

Anche sul sistema LACS ci sono molte ombre, non perchè sia un prodotto scadente, per carità, ma perchè l'informazione un po latita, fu presentato un paio di anni fa qui a Roma, c'era un mio amico negoziante, qualcosa non deve essere andato nel verso giusto credo, comunque sia, sarebbe buona cosa descrivere per bene questo prodotto, anche perchè chi organizza deve comunque conoscere le impostazioni possibili di questo sistema. Per esempio fino ad adesso, almeno io, pensavo che i sensori fossero scoperti, che avessero lo stesso angolo di ricezione, invece lo ha più ampio, informazioni recepite però per caso..

Capisco poi la linea dell'azienda di perseguire la realisticità, ma ampliare la propria linea con un "silenziatore" da applicare sulla volata vorrebbe dire semplicemente aprire le porte anche a potenziali clienti che tengono anche all'estetica, vedendo il proiettore LACS non mi pare molto grande, si tratta solamente di cambiare il design, come dimensioni stiamo li, poi non so se ci sarebbero dei problemi legati a non so che nella produzione, ma sarebbe comunque un qualcosa in più, chi vuole lo mette sul RIS e ha la canna libera per sparare pallini, chi vuole lo mette sulla volata tanto gioca solo a laser tag.

Inoltre, escludiamo X-Tag che è da poco uscito, RedRay e LTI hanno un'ampia scelta di device per il gioco, LACS no, temo che anche questa lacuna possa togliere potenziali clienti.

Ormai lo scenario è multisistema, come sui campi di soft air si trovano Marui, Classic Army, G&G, G&P, Jing Gong ecc ecc.. sui campi laser tag troviamo RedRay, LTI, LACS e X-Tag.. e sui video anche WHEP.. e manco tanto..

Per quanto riguarda la compatibilità del pulce, non credo ci siano problemi, bisogna mantenere la resistenza di carico per mantenere la distanza coperta, il resto sono due fili per il LED IR e due fili per il LED MUZZLE. Uno dei punti a favore del PULCE è anche la resistenza di carico, che è dell'ordine dei 10ine e 100ia di KOhm, questo vuol dire che la lunghezza dei cavi ed eventuali saldature non intaccano minimamente le prestazioni, invece su LTI, vecchi RedRay e X-Tag la resistenza di carico è dell'ordine degli Ohm, quindi cavo più lungo e , soprattutto, una saldatura può effettivamente accorciare la distanza coperta.. (in realtà ora X-Tag fornisce il proiettore con un connettore e il cablaggio già provvisto di connettore.. quindi l'utente almeno questa rogna non la deve affrontare, idem per LACS.. già tutto cablato).

Nonaeme
07/05/2014, 20:32
mi piace quando le "parti" chiamate in causa chiariscono le cose al volgo ignorante :D
grazie a tutti per i chiarimenti!

a proposito della storia laser-ir, in un'ottica "torneistica" dove si vuol far giocare tutti insieme, non potrebbe essere un problema?
non mi lapidate perchè parlo sempre da ignorante, ma quello che conta è la dicitura "classe 1"?
quindi che sia laser, ir o nucleare il resto non significa niente?

|3arak
07/05/2014, 21:40
laser è un fascio omogeneo di luce (e parallelo).. e qui c'è da aprire un mondo.. si parla chi più chi meno di coni.. e belli larghi.. i più stretti LACS/WHEP poi PULCE RedRay, Xtag, silenziatori RedRay e LTI.. più o meno in fila..

alla fine stiamo parlando di un diodo emettitore ad alta potenza che di suo ha un angolo abbastanza stretto, LACS e WHEP per produrre un fascio stretto 20 cm con un angolo stretto (quindi un cono che si allarga di poco alla distanza) utilizza due lenti all'interno del proiettore, questo permette, messe alla debita distanza con la debita gradazione e con il debito diametro, di concentrare la luce, questo il LED utilizzato per il PULCE già lo fa.. negli altri viene ottenuto con una lente, di solito, due lenti LACS e WHEP, ovviamente con una lente sola il cono sarà più largo con due lenti sarù più stretto.. mai parallelo..

ora che il LED utilizzato per il PULCE sia un LED prodotto per sistemi laser può dire tutto come niente, perchè per rendere "pericoloso" quel fascio bisogna "concentrarlo ulteriormente", i risultati del PULCE e del proiettore Xtag sono quasi simili, il PULCE ha un diametro un po più stretto ma è ben lontano dal risultato che puoi immaginare vicino ai laserini!! Ma anhe il proiettore LACS o WHEP ha un fascio a 100 metri di 20 cm..praticamente quanto un viso umano.. ora se vado in cartoleria e compro un laserino, che a 100 metri fa questo spot, io je lo riporto per farmelo cambiare.. se sti benedetti proiettori più o meno stanno sulla stessa distanza.. hanno la stessa potenza.. se hanno fasci più o meno simili.. producono una luce più o meno concentrata alla stesso modo.. ora quello che si va a far omologare è il risultato finale.. ossia il proiettore... non il led!! quello che non deve essere dannosa è la luce che esce dal proiettore.. per assurdo uno potrebbe utilizzare un led potentissimo, per poi comandarlo con una corrente infima.. come scritto sopra, il proiettore Xtag ha una resistenza di carico di pochi Ohm, mentre il pulce di decine o centinaia di migliaglia di Ohm.. ti faccio un esempio con gli stessi proiettori silenziatori RedRay

Poriettore 3 Stelle:
PULCE: 150 KOhm
Silenziatore: 8 Ohm (se non erro)

Proiettore 6 Stelle:
PULCE: 20 KOhm (solo con LiPo.. perchè ha una tensione leggermente più alta e moooolta più corrente)
Silenziatore: -

Il sistema prevede comunque una resistenza di carico per evitare che si bruci il led, con la LiPo il PULCE ha bisogno di una resistenza aggiuntiva, perchè in proporzione la resistenza di carico del sistema è inadeguata, da una parte parliamo di 150 000 Ohm e 8 Ohm

Se vedi il pulce è si più potente ma per utilizzarlo si comanda con resistenze molto più grandi... la maggiore gittata viene ottenuta per via del cono un po più stretto, se calibri meglio il silenziatore RedRay, magari facendolo più lungo ottieni gli stessi risultati in termini di potenza luminosa.. anzi se vai a vedere il proiettore LACS ottiene più o meno le stesse distanze, quindi alla fine con un led meno potente arriva alla stessa distanza.. ma ha dovuto mettere due lenti e cedere nella grandeza, la RedRay si preoccupa solamente di centrare un led evviammariaesantibenedetti, il led è già tutto calibrato.. il proiettore è picolo come uno spegnifiamma, il fascio netto e abbastanza stretto di suo.. anzi a dirla tutta più uno decanta il fascio stretto più si avicina alla definizione di fascio omogeneo e parallelo. Altra differenza che può migliorare la ricezione è il range di lavoro, ora non so i dati ma mettiamo che il TSOP riceva la lunghezza d'onda di 840-850 nm e il led pincopallino emetta una luce da 820-870 nm più o meno ci siamo, ma non tutta viene captata dal TSOP quindi il segnale per il sensore ha una certa importanza, se il PULCE emette una luce da 835-845, il TSOP avrà una ricezione più importante, perchè sfrutterà tutta la potenza del PULCE..

phoenix128
07/05/2014, 22:39
mi piace quando le "parti" chiamate in causa chiariscono le cose al volgo ignorante :D
grazie a tutti per i chiarimenti!

a proposito della storia laser-ir, in un'ottica "torneistica" dove si vuol far giocare tutti insieme, non potrebbe essere un problema?
non mi lapidate perché parlo sempre da ignorante, ma quello che conta è la dicitura "classe 1"?
quindi che sia laser, ir o nucleare il resto non significa niente?

Se parli in termini di compatibilità non è quello che incide. Puoi giocare tranquillamente sparando e ricevendo colpi tra XTag standard, XTag sniper, RedRay standard, RedRay PULCE, LTI, ecc ecc... Nel mio club ci abbiamo giocato per anni :) L'unico che si discosta è LACS perché usa sensori su una banda luminosa leggermente diversa e più tendente al rosso visibile, quindi può capitare che sparando ad un LACS con altri sistemi non sempre il colpo vada a segno.

Un altro aspetto della giocabilità tra si sistemi è il protocollo IR, ma per fortuna in Italia siamo tutti allineati per quanto riguarda le funzioni principali. Altri sistemi come SIMGUN ad esempio non possono interagire perché usano un protocollo differente.