Visualizzazione dei risultati da 1 a 7 su 7
  1. #1
    Tutor


    L'avatar di bombardiere
    Città
    Grazzanise (CE)
    Club
    pantera sac asd
    Iscritto il
    04 Dec 2008
    Messaggi
    9,135

    Predefinito RECENSIONE CUSTOMIZZAZIONE SMONTAGGIO MOTORE SHS HIGH SPEED MADE in HONG KONG

    RECENSIONE CUSTOMIZZAZIONE SMONTAGGIO MOTORE SHS HIGH SPEED MADE in HONG KONG.

    La SHS ditta di Hong Kong , da qualche anno affacciatasi sul mercato della ricambistica softair , ci ha abituato a pezzi di buona qualità a prezzi abbordabili , commercializza anche diversi motori.Il motore che recensirò oggi è il prodotto di punta per quanto riguarda i motori, ed è molto diffuso per il suo costo abbordabile ( lo si trova intorno ai 40 euro), e per le sue super prestazioni high speed e alta reattività .
    Sulla carcassa sono applicati due adesivi con scritte le caratteristiche del motore, ovvero high speed.
    Di cosa si tratta, il motore shs è dotato di magneti al neodimio di media potenza, con pochi avvolgimenti con cavi di grossa sezione, queste caratteristiche costruttive producono prestazioni high speed ed alta reattività ,se alimentato con grosse lipo da 11, 1 volts alte prestazioni,ma purtroppo a caro prezzo come vedremo in seguito.
    Qui nella foto 1 alcune immagini del SHS high speed versione albero lungo, non sono sicuro ma dovrebbe essere commercializzata anche la versione albero corto.La carcassa ricalca i classici formati dei motori per asg , con grosse finestre di ventilazione, e culatta porta spazzole in polimero avvitata ad anello di ritegno interno( stile classic army , G&P etc).Il pignone con foro a D è un classico pignone low cost, ma si comporta abbastanza bene, se l’accoppiamento con il conico è ottimale ,dura a lungo.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   shs foto 1 front.jpg 
Visite: 67 
Dimensione:   69.9 KB 
ID: 281577

    Nella foto 2 la vista posteriore,la culatta portaspazzole in polimero è vincolata ad un anello interno in metallo mediante due viti in metallo dotate di rondelle isolanti .Le spazzole sono buone ,medesime in uso sui motori low cost, ed hanno una ottima conducibilità , non sono dotate di capicorda.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   foto 2 shs vista posteriore.jpg 
Visite: 62 
Dimensione:   74.4 KB 
ID: 281578


    I TEST.

    Il motore sotto test, non è un motore nuovo ,ma un motore con qualche mese di funzionamento sulle spalle ( 3 mesi circa), questo è un vantaggio, in quanto le spazzole hanno raggiunto il giusto grado di rodaggio con la maggior superficie di contatto per le piastre di collettore, ovvero le migliori prestazioni che si possono avere dal motore.
    Come sempre ho eseguito dei test preliminari a vuoto, usando il mio alimentarore switching, ho regolato al tensione di uscita a 12,78 volts, perché simula molto bene la tensione di una batteria lipo da 11,1 volts a piena carica.Con questo test si valuta la reattività o prontezza di un motore ad entrare in coppia, e si possono contemporaneamente misurare gli assorbimenti di spunto e regime a vuoto, questi valori ci possono poi dare con una buona approssimazione , i valori di corrente assorbiti sotto carico su di un gear alimentato da 11,1 volts, con ingranaggi a rapporti standard e con molla da 1 joule.
    Corrente di spunto a vuoto, circa 17 ampere.
    Corrente assorbita a regime a vuoto ,circa 5,8 ampere.
    Fenomenale la velocità raggiunta a vuoto, ottima la reattività.

    Test sotto carico su mia asg da test alimentata con lipo 11,1 volts 2300ma 25 C.

    Singolo ottima reattività anche se non eccezionale,rof in full auto misurato con crono XCORTECH 3000, 30,4 bb/sec.Il motore dopo qualche raffica scalda molto e risulta essere ben bollente , se si usa in singolo per doppiare i colpi il surriscaldamento aumenta in maniera esponeziale.
    Dai dati raccolti, si ipotizzano sotto carico correnti di spunto dell’ordine dei 38-40 ampere , mentre in full auto correnti continue di circa 20 ampere.
    A titolo di esempio ecco come è ridotto il contatto grilletto della asg , che è andata in avaria proprio per un falso contatto sul grilletto interno, questo contatto grilletto è di un impianto gear box G&G con sicura elettrica, le lamelle di contatto del cursore e quelle della sicura sono letteralmente ingloblate nel polimero del grilletto che si è completamente fuso per over temperature dei contatti dovuti alle eccessive correnti di alimentazione del motore.

    Foto 3 -4 i contatti sono completamente inglobati nel polimero che si è fuso attorno, e risulta impossibile smontarli.Ho tentato a smontare il tutto asportando con una lama la plastica fusa, ma tutto l’insieme risulta essere diventato un corpo unico,in particolar modo i contatti della sicura elettrica.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   foto 3 contatto grilletto interno.jpg 
Visite: 111 
Dimensione:   92.0 KB 
ID: 281579

    Nella foto seguente i contatti della sicura elettrica, che son diventati corpo unico con il polimero plastico.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   foto 4 contatti sicura grilletto.jpg 
Visite: 95 
Dimensione:   95.9 KB 
ID: 281581

    Questi risultati e il surriscaldamento del motore, dell’impianto elettrico etc, ci fanno ben capire che questo motore può provocare danni all’impianto elettrico, in particolare a carico dei contatti grilletto interno , inoltre le batterie a parte la scarsa durata, saranno sottoposte a elevati stress. L’uso per doppiare i singoli è fortemente sconsigliato, perché gli assorbimenti saranno proibitivi. Tanto per comparare gli assorbimenti di corrente, l'ATOZ systema è uno dei motori con i magneti al neodimio più potenti ed è un motore molto reattivo, ma torque,assorbe correnti di 5 ampere di norma , qualche volta 5,5 ampere, sempre a vuoto, e chi lo ha utilizzato per doppiare i singoli ovvero in full auto, convinto di avere il motore giusto reattivo, torque e lento , si rendeva subito conto che le batterie duravano pochissimo e che il motore diventava talmente bollente da non poter essere toccato con le mani nude.
    Oltre ai problemi di assorbimento e surriscalamento, ho avuto qualche volta , notizia di motori difettosi che non partivano , problemi sicuramente dovuti ad un cattivo assemblaggio e crimpatura degli avvolgimenti, problemi facilmente risolvibili con una adeguata saldatura dei capi avvolgimenti.


    SMONTAGGIO DEL MOTORE E SUA COMPOSIZIONE INTERNA.

    Lo smontaggio del motore è semplicissimo, si rimuovono le mollette spazzole, e si svitano le due viti a brugola facendo attenzione a non perdere le rondelle isolanti. IN questo modo è possibile rimuovere la calotta portaspazzole .All’interno troviamo l’anello di vincolo della calotta spazzole, si ruota e si estrae.Per estrarre il pignone occorre svitare al minibrugola presente , se non si svita non forzate, e passato su una fiamma, quindi svitare ed estraete aiutandovi eventualmente con un cacciavite piatto per fare leva.
    Si può ora estrarre il copri albero in alluminio, che contiene due cuscinetti a sfera di dimensioni differenti, quello adiacente al pignone molto piccolo, mostra qualche segno di stress meccanico.Si può ora estrarre tutto il rotore in pacco lamellare di ferro dolce. Il rotore ruota su due cuscinetti di dimensioni differenti il più piccolo allocato nella calotta spazzole ed il più grande in basso.I tre avvolgimenti sono realizzati con filo di grossa sezione ,e con pochissime spire, ben bloccato nelle cave rotoriche con resine ,ma purtroppo come la stragrande maggioranza dei motori in commercio non è protetto da inserti , e questo col tempo ne può provocare il distacco e la fuoriuscita dei fili con conseguente urto e corto sulle pareti dei magneti.La carcassa in ferro dolce magnetico contiene due magneti di media forza . In definitiva un motore costruito con materiali low cost,ma di buona efficacia, rispetto ai motori super low cost che equipaggiano le asg made in Cina questo ha una carcassa con calotta portaspazzole vincolata con viti e non crimpata, e ottimi magneti al neodimio.

    Nella foto 5 il motore completamente disassemblato.Si noti la flangia antipolvere del cuscinetto piccolo del copri albero che si è staccata,questa non compromette la funzionalità del cuscinetto stesso.I contatti di alimentazione per micro fastom sono fragili, per cui bisogna fare molta attenzione quando si inseriscono i rispettivi fastom femmina di alimentazione, romperli è molto molto facile.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   motore smontato - Copia.jpg 
Visite: 102 
Dimensione:   128.3 KB 
ID: 281582

    Infine nella foto 6 una vista ravvicinata dell’albero e del collettore, le crimpature del collettore sono fragili.I capi degli avvolgimenti non sono saldati.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   passo collettore 3.jpg 
Visite: 98 
Dimensione:   56.3 KB 
ID: 281583


    Conclusioni:
    Motore super high speed, a patto che venga alimentato con lipo da 11,1 volts con molti ampere e C di scarica , con prestazioni estreme speed e torque ,ben reattivo, ma purtroppo penalizzato da enormi assorbimenti di correnti capaci di danneggiare rapidamente impianti elettrici e batterie. Personalmente ne sconsiglio l’uso per doppiare i singoli ,perché gli assorbimenti e lo stress elettrico aumentano in maniera esponenziale, questi problemi aumentano accoppiando questo motore a ingranaggi a rapporti high speed e super high speed.

    LA CUSTOMIZZAZIONE.
    Considerati gli assorbimenti spropositati di corrente ed i danni provocati in pochi mesi d’uso, ho deciso di modificare radicalmente il motore, con l’intento di abbassare la corrente assorbita ,aumentare la reattività ed abbassare lievemente il rof.Ho pertanto dotato il rotore di un nuovo avvolgimento con più spire realizzando con cavo di sezione adeguata , e poi come di consueto proteggendo le cave rotoriche con inserti di materiale non conduttivo inseriti a pressione ed adeguatamente bloccati .Anche il collettore è stato adeguatamente lavorato e modificato, per poter meglio sopportare le forti forze centrifughe che si hanno in un motore high speed.
    Ai nuovi test a vuoto il motore a regime assorbe 4 ampere quasi due in meno rispetto all’avvolgimento originale, e sotto carico sulla mia asg da test raggiunge un rof di quasi 28 bb/sec, e con una migliorata reattività. Anche il surriscaldamento è diminuito, insomma risultato centrato , e motore sicuramente più performante e meno problematico. Ringrazio l’amico Pajero80 per avermi fornito il motore oggetto di recensione.

  2. #2
    Recluta L'avatar di lamber
    Città
    Macerata (MC)
    Club
    non affiliato
    Iscritto il
    26 Nov 2013
    Messaggi
    1,400

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da bombardiere Visualizza il messaggio
    RECENSIONE CUSTOMIZZAZIONE SMONTAGGIO MOTORE SHS HIGH SPEED MADE in HONG KONG.

    La SHS ditta di Hong Kong , da qualche anno affacciatasi sul mercato della ricambistica softair , ci ha abituato a pezzi di buona qualità a prezzi abbordabili , commercializza anche diversi motori.Il motore che recensirò oggi è il prodotto di punta per quanto riguarda i motori, ed è molto diffuso per il suo costo abbordabile ( lo si trova intorno ai 40 euro), e per le sue super prestazioni high speed e alta reattività .
    Sulla carcassa sono applicati due adesivi con scritte le caratteristiche del motore, ovvero high speed.
    Di cosa si tratta, il motore shs è dotato di magneti al neodimio di media potenza, con pochi avvolgimenti con cavi di grossa sezione, queste caratteristiche costruttive producono prestazioni high speed ed alta reattività ,se alimentato con grosse lipo da 11, 1 volts alte prestazioni,ma purtroppo a caro prezzo come vedremo in seguito.
    Qui nella foto 1 alcune immagini del SHS high speed versione albero lungo, non sono sicuro ma dovrebbe essere commercializzata anche la versione albero corto.La carcassa ricalca i classici formati dei motori per asg , con grosse finestre di ventilazione, e culatta porta spazzole in polimero avvitata ad anello di ritegno interno( stile classic army , G&P etc).Il pignone con foro a D è un classico pignone low cost, ma si comporta abbastanza bene, se l’accoppiamento con il conico è ottimale ,dura a lungo.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   shs foto 1 front.jpg 
Visite: 67 
Dimensione:   69.9 KB 
ID: 281577

    Nella foto 2 la vista posteriore,la culatta portaspazzole in polimero è vincolata ad un anello interno in metallo mediante due viti in metallo dotate di rondelle isolanti .Le spazzole sono buone ,medesime in uso sui motori low cost, ed hanno una ottima conducibilità , non sono dotate di capicorda.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   foto 2 shs vista posteriore.jpg 
Visite: 62 
Dimensione:   74.4 KB 
ID: 281578


    I TEST.

    Il motore sotto test, non è un motore nuovo ,ma un motore con qualche mese di funzionamento sulle spalle ( 3 mesi circa), questo è un vantaggio, in quanto le spazzole hanno raggiunto il giusto grado di rodaggio con la maggior superficie di contatto per le piastre di collettore, ovvero le migliori prestazioni che si possono avere dal motore.
    Come sempre ho eseguito dei test preliminari a vuoto, usando il mio alimentarore switching, ho regolato al tensione di uscita a 12,78 volts, perché simula molto bene la tensione di una batteria lipo da 11,1 volts a piena carica.Con questo test si valuta la reattività o prontezza di un motore ad entrare in coppia, e si possono contemporaneamente misurare gli assorbimenti di spunto e regime a vuoto, questi valori ci possono poi dare con una buona approssimazione , i valori di corrente assorbiti sotto carico su di un gear alimentato da 11,1 volts, con ingranaggi a rapporti standard e con molla da 1 joule.
    Corrente di spunto a vuoto, circa 17 ampere.
    Corrente assorbita a regime a vuoto ,circa 5,8 ampere.
    Fenomenale la velocità raggiunta a vuoto, ottima la reattività.

    Test sotto carico su mia asg da test alimentata con lipo 11,1 volts 2300ma 25 C.

    Singolo ottima reattività anche se non eccezionale,rof in full auto misurato con crono XCORTECH 3000, 30,4 bb/sec.Il motore dopo qualche raffica scalda molto e risulta essere ben bollente , se si usa in singolo per doppiare i colpi il surriscaldamento aumenta in maniera esponeziale.
    Dai dati raccolti, si ipotizzano sotto carico correnti di spunto dell’ordine dei 38-40 ampere , mentre in full auto correnti continue di circa 20 ampere.
    A titolo di esempio ecco come è ridotto il contatto grilletto della asg , che è andata in avaria proprio per un falso contatto sul grilletto interno, questo contatto grilletto è di un impianto gear box G&G con sicura elettrica, le lamelle di contatto del cursore e quelle della sicura sono letteralmente ingloblate nel polimero del grilletto che si è completamente fuso per over temperature dei contatti dovuti alle eccessive correnti di alimentazione del motore.

    Foto 3 -4 i contatti sono completamente inglobati nel polimero che si è fuso attorno, e risulta impossibile smontarli.Ho tentato a smontare il tutto asportando con una lama la plastica fusa, ma tutto l’insieme risulta essere diventato un corpo unico,in particolar modo i contatti della sicura elettrica.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   foto 3 contatto grilletto interno.jpg 
Visite: 111 
Dimensione:   92.0 KB 
ID: 281579

    Nella foto seguente i contatti della sicura elettrica, che son diventati corpo unico con il polimero plastico.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   foto 4 contatti sicura grilletto.jpg 
Visite: 95 
Dimensione:   95.9 KB 
ID: 281581

    Questi risultati e il surriscaldamento del motore, dell’impianto elettrico etc, ci fanno ben capire che questo motore può provocare danni all’impianto elettrico, in particolare a carico dei contatti grilletto interno , inoltre le batterie a parte la scarsa durata, saranno sottoposte a elevati stress. L’uso per doppiare i singoli è fortemente sconsigliato, perché gli assorbimenti saranno proibitivi. Tanto per comparare gli assorbimenti di corrente, l'ATOZ systema è uno dei motori con i magneti al neodimio più potenti ed è un motore molto reattivo, ma torque,assorbe correnti di 5 ampere di norma , qualche volta 5,5 ampere, sempre a vuoto, e chi lo ha utilizzato per doppiare i singoli ovvero in full auto, convinto di avere il motore giusto reattivo, torque e lento , si rendeva subito conto che le batterie duravano pochissimo e che il motore diventava talmente bollente da non poter essere toccato con le mani nude.
    Oltre ai problemi di assorbimento e surriscalamento, ho avuto qualche volta , notizia di motori difettosi che non partivano , problemi sicuramente dovuti ad un cattivo assemblaggio e crimpatura degli avvolgimenti, problemi facilmente risolvibili con una adeguata saldatura dei capi avvolgimenti.


    SMONTAGGIO DEL MOTORE E SUA COMPOSIZIONE INTERNA.

    Lo smontaggio del motore è semplicissimo, si rimuovono le mollette spazzole, e si svitano le due viti a brugola facendo attenzione a non perdere le rondelle isolanti. IN questo modo è possibile rimuovere la calotta portaspazzole .All’interno troviamo l’anello di vincolo della calotta spazzole, si ruota e si estrae.Per estrarre il pignone occorre svitare al minibrugola presente , se non si svita non forzate, e passato su una fiamma, quindi svitare ed estraete aiutandovi eventualmente con un cacciavite piatto per fare leva.
    Si può ora estrarre il copri albero in alluminio, che contiene due cuscinetti a sfera di dimensioni differenti, quello adiacente al pignone molto piccolo, mostra qualche segno di stress meccanico.Si può ora estrarre tutto il rotore in pacco lamellare di ferro dolce. Il rotore ruota su due cuscinetti di dimensioni differenti il più piccolo allocato nella calotta spazzole ed il più grande in basso.I tre avvolgimenti sono realizzati con filo di grossa sezione ,e con pochissime spire, ben bloccato nelle cave rotoriche con resine ,ma purtroppo come la stragrande maggioranza dei motori in commercio non è protetto da inserti , e questo col tempo ne può provocare il distacco e la fuoriuscita dei fili con conseguente urto e corto sulle pareti dei magneti.La carcassa in ferro dolce magnetico contiene due magneti di media forza . In definitiva un motore costruito con materiali low cost,ma di buona efficacia, rispetto ai motori super low cost che equipaggiano le asg made in Cina questo ha una carcassa con calotta portaspazzole vincolata con viti e non crimpata, e ottimi magneti al neodimio.

    Nella foto 5 il motore completamente disassemblato.Si noti la flangia antipolvere del cuscinetto piccolo del copri albero che si è staccata,questa non compromette la funzionalità del cuscinetto stesso.I contatti di alimentazione per micro fastom sono fragili, per cui bisogna fare molta attenzione quando si inseriscono i rispettivi fastom femmina di alimentazione, romperli è molto molto facile.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   motore smontato - Copia.jpg 
Visite: 102 
Dimensione:   128.3 KB 
ID: 281582

    Infine nella foto 6 una vista ravvicinata dell’albero e del collettore, le crimpature del collettore sono fragili.I capi degli avvolgimenti non sono saldati.
    Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome:   passo collettore 3.jpg 
Visite: 98 
Dimensione:   56.3 KB 
ID: 281583


    Conclusioni:
    Motore super high speed, a patto che venga alimentato con lipo da 11,1 volts con molti ampere e C di scarica , con prestazioni estreme speed e torque ,ben reattivo, ma purtroppo penalizzato da enormi assorbimenti di correnti capaci di danneggiare rapidamente impianti elettrici e batterie. Personalmente ne sconsiglio l’uso per doppiare i singoli ,perché gli assorbimenti e lo stress elettrico aumentano in maniera esponenziale, questi problemi aumentano accoppiando questo motore a ingranaggi a rapporti high speed e super high speed.

    LA CUSTOMIZZAZIONE.
    Considerati gli assorbimenti spropositati di corrente ed i danni provocati in pochi mesi d’uso, ho deciso di modificare radicalmente il motore, con l’intento di abbassare la corrente assorbita ,aumentare la reattività ed abbassare lievemente il rof.Ho pertanto dotato il rotore di un nuovo avvolgimento con più spire realizzando con cavo di sezione adeguata , e poi come di consueto proteggendo le cave rotoriche con inserti di materiale non conduttivo inseriti a pressione ed adeguatamente bloccati .Anche il collettore è stato adeguatamente lavorato e modificato, per poter meglio sopportare le forti forze centrifughe che si hanno in un motore high speed.
    Ai nuovi test a vuoto il motore a regime assorbe 4 ampere quasi due in meno rispetto all’avvolgimento originale, e sotto carico sulla mia asg da test raggiunge un rof di quasi 28 bb/sec, e con una migliorata reattività. Anche il surriscaldamento è diminuito, insomma risultato centrato , e motore sicuramente più performante e meno problematico. Ringrazio l’amico Pajero80 per avermi fornito il motore oggetto di recensione.
    Ottima recensione come al solito bombardiere!

  3. #3
    Recluta L'avatar di pajero80
    Città
    Bardi (PR)
    Club
    FIRE FOX PARMA
    Iscritto il
    11 Dec 2014
    Messaggi
    900

    Predefinito

    E bene si bombardiere ...la ditta fornisce gli stessi motori anche ad albero corto...piccoli motori ma grandi stufette...

    cmq sempre ottime recensioni..di qualsiasi cosa parli bombazz...yyyy aaa

    ------ Post aggiornato ------

    E bene si bombardiere ...la ditta fornisce gli stessi motori anche ad albero corto...piccoli motori ma grandi stufette...

    cmq sempre ottime recensioni..di qualsiasi cosa parli bombazz...yyyy aaa

  4. #4
    Soldataccio L'avatar di LA VOLPE
    Città
    Bari (BA)
    Club
    Non Affiliato
    Iscritto il
    01 Sep 2006
    Messaggi
    2,378

    Predefinito

    Sarei curioso di vedere anche l' HT della SHS come si comporta

  5. #5
    Recluta L'avatar di pajero80
    Città
    Bardi (PR)
    Club
    FIRE FOX PARMA
    Iscritto il
    11 Dec 2014
    Messaggi
    900

    Predefinito

    Ne ho dato uno a bombardiere di HT $H$! dovrebbe averlo se non lo ha gia trasformato in un mega verricello da traino

  6. #6
    Spina L'avatar di Blondie_San
    Città
    Lugo di Vicenza (VI)
    Club
    fiamme nere
    Iscritto il
    25 Dec 2011
    Messaggi
    263

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da LA VOLPE Visualizza il messaggio
    Sarei curioso di vedere anche l' HT della SHS come si comporta
    Concordo,in altri forum stranieri dove usano molle da 120 in su ne parlano molto bene

    Inviato dal mio XT1032 utilizzando Tapatalk

  7. #7
    Recluta L'avatar di pajero80
    Città
    Bardi (PR)
    Club
    FIRE FOX PARMA
    Iscritto il
    11 Dec 2014
    Messaggi
    900

    Predefinito

    Sara' un buon motore sicuramente,anche se io mai usato HT della SHS.

    ma dopo il rifacimento sata 180 "bombizzato" non so quanti motori arrivino a quei livelli..(systema sicuramente)..

Questa pagina è stata trovata cercando:

Tag per questa discussione

Licenza Creative Commons
SoftAir Mania - SAM by SoftAir Mania Community is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.
Based on a work at www.softairmania.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.softairmania.it.
SoftAir Mania® è un marchio registrato.